Cibo consolatorio? Meglio un abbraccio!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 11/07/2017 Aggiornato il 11/07/2017

Cibo consolatorio: confortare i bambini con le merendine scatena in loro l’”emotional eating”, l’abitudine a compensare le emozioni attraverso gli alimenti

Cibo consolatorio? Meglio un abbraccio!

Confortare i propri figli attraverso il cibo consolatorio è sbagliato, meglio coccolarli e abbracciarli. Già lo si poteva intuire, ma ora è provato  da uno studio norvegese che indica anche ai genitori quale dovrebbe essere il giusto comportamento per evitare di favorire abitudini alimentari e di vita sbagliate.

No al cibo come compensazione emotiva

Lo studio norvegese pubblicato su Child Development è stato eseguito da un gruppo di ricercatori che per la prima volta hanno preso in esame 801 bambini dai 4 ai 10 anni analizzandone la loro alimentazione. Dalla ricerca è emerso che i bambini che tra i 4 e i 6 anni erano consolati dai genitori con le loro merendine preferite, a 10 anni avevano più possibilità di avvalersi dell’emotional eating. Per questo è sbagliato che i genitori si abituino ad usare il cibo come compensazione emotiva.

Più a rischio di sovrappeso e bulimia

Usare saltuariamente il cibo per calmare i sentimenti negativi dei propri figli e aiutarli a superare dei momenti difficoltosi non è sbagliato. Abituare i bambini ad affidarsi sempre a merendine, dolci e cioccolato per affrontare emozioni negative può avere invece conseguenze sulla loro salute in quanto saranno più esposti al rischio sovrappeso, bulimia e binge eating.

Diventa un’abitudine pericolosa

La ricercatrice Hala El-Shafie spiega infatti che i cosiddetti ”consumatori emotivi” mangiano per alleviare il dolore ma mangiano anche per gratificarsi, provare piacere ed evitare di sentirsi tristi. Più l’abitudine del cibo consolatorio si assume da piccoli, più si tenderà a mantenerla da adulti perché il cervello registra che il cibo è uno strumento di compensazione.

Un abbraccio è la migliore ricompensa

I ricercatori suggeriscono di abbracciare i propri figli anziché calmarli con del cibo consolatorio, come merendine e cibo spazzatura. Arianna Banderali, presidente dell’Aidap (Associazione italiana disturbi alimentari e del peso) spiega inoltre che “Quando i bambini vivono un’emozione negativa è meglio innanzitutto ascoltarli e condividere con loro le sensazioni. Può andar bene organizzare qualche attività diversa dal solito da fare insieme per dargli l’opportunità di distrarsi in compagnia e fargli sentire che non è solo”.

 

Lo sapevi che…

A scatenare nei bambini la voglia di mangiare come compensazione emotiva è talvolta il fatto di ricevere commenti negativi sul loro aspetto fisico o sulle loro abitudini alimentari soprattutto quando la critica arriva dai genitori.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti