Cibo e bambini: le regole di igiene e sicurezza

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/07/2015 Aggiornato il 24/07/2015

Quando si tratta di cibo e bambini è bene seguire alcune regole che assicurino l’igiene e la sicurezza. Ecco quali

Cibo e bambini: le regole di igiene e sicurezza

Quello fra cibo e bambini è un binomio prezioso ma anche delicato, che merita un po’ di attenzione in più. Parola della Fda (Food and Drug Administration) americana, l’organo che si occupa della regolamentazione dei farmaci e dei cibi. Sì, perché quando si tratta dell’alimentazione dei più piccoli, complice il loro sistema immunitario debole, ogni leggerezza o disattenzione può essere pericolosa. Se alcune regole valgono sempre, anche quando si preparano i pasti destinati agli adulti, in caso di cibo e bambini, meglio aumentare ulteriormente le cautele.

Un sito internet informativo

La Fda recentemente ha realizzato un sito internet proprio sul tema cibo e bambini. Un portale web interamente dedicato alla sicurezza alimentare, dalla scelta alla conservazione degli alimenti, dalla preparazione delle pappe al loro consumo e al riutilizzo degli avanzi, con una serie di consigli utili per i genitori.

Non dimenticare di lavarsi le mani

Il primo imperativo è una regola base di igiene che dovrebbe valere sempre, cioè quella di lavarsi con cura le mani prima, durante e dopo aver maneggiato gli alimenti. Un po’ di attenzione extra nella pulizia delle mani, inoltre, deve essere adottata quando si cambiano i pannolini o si toccano ingredienti crudi potenzialmente contaminati. Altra precauzione, che sembra scontata, ma non sempre lo è, è quella di controllare bene l’etichetta di ogni prodotto alimentare con un occhio particolare alla scadenza. Questa raccomandazione vale a maggior ragione per il latte in polvere destinato ai neonati, per la cui preparazione è necessario attenersi alle indicazioni del produttore dello stesso.

Attenzione alle pappe

Quando, a svezzamento iniziato, il piccolo comincia a mangiare omogeneizzati e pappe, l’attenzione deve aumentare. No ai vasetti rovinati, con il vetro scheggiato o il tappo arrugginito. No nemmeno ai tappi non perfettamente sigillati o alle etichette incomplete o illeggibili. Attenzione poi alla conservazione in frigorifero o in freezer: da non lasciare a temperatura ambiente per più di due ore i prodotti deperibili; da conservare in freezer per non più di tre mesi le pappe già pronte per i bambini.

 

 

In breve

COME CONSERVARE GLI AVANZI

Anche gli avanzi vanno selezionati e conservati con la giusta cautela. Il latte avanzato, per esempio, non va messo in frigorifero se è nello stesso contenitore in cui è stato consumato, perché i batteri della bocca del piccolo non temono il freddo e possono proliferare. Per quanto riguarda gli omogeneizzati, se si vogliono conservare gli avanzi del vasetto, meglio versarli in un piattino, perché in caso contrario potrebbero svilupparsi batteri.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti