Cibo spazzatura, annienta la voglia di cibi sani

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/10/2014 Aggiornato il 08/10/2014

Il cibo spazzatura non solo fa male alla salute di grandi e piccoli, ma inibisce anche l’appetito per gli alimenti sani e nutrienti

Cibo spazzatura, annienta la voglia di cibi sani

Il cibo spazzatura è uno dei principali imputati di malattie degenerative, diabete e problemi cardiocircolatori. Inoltre, il junk food, così chiamato in inglese, è il responsabile numero uno dell’obesità infantile e di tutte le patologie a essa correlate. Sembra anche che se consumato in gravidanza provochi aggressività e depressione già nei primi anni di vita del bambino. Ma gli effetti negativi di hamburger & Co. sulla salute di grandi e piccoli non finiscono qui: questo tipo di cibo, infatti, inibisce anche l’appetito (sano) verso gli alimenti più nutrienti e indicati in un’alimentazione equilibrata.

Rifiuto dei cibi sani

La ricerca che condanna ancora una volta il cibo spazzatura proviene dall’Austrialia, precisamente dall’University of New South Wales, ed è stata pubblicata sulla rivista Frontiers in Psychology. Lo studio è stato condotto sui topi, dando loro cibo ricco di grassi saturi e povero di vitamine e nutrienti (proprio quello tipico dei fast food) e il risultato non è stato solo il sovrappeso dei ratti ma anche una diminuzione del loro appetito una volta messi di fronte a cibi sani, che avrebbero altrimenti apprezzato e consumato. La stessa cosa succede all’organismo umano: il junk food porta a un aumento per l’appetito “malsano” e a una pericolosa diminuzione di fame verso ciò che ci farebbe bene.

Si riconosce così

Cos’è esattamente considerato cibo spazzatura? Si annoverano sotto questa categoria tutti quegli alimenti ricchi di grassi saturi, calorie e zuccheri. E, al contempo, poveri o privi di vitamine, minerali e nutrienti come proteine magre o carboidrati complessi. Si tratta esattamente di ciò che viene offerto dai comuni fast food ma non solo. Infatti, questa tipologia di cibo la troviamo normalmente anche al supermercato travestita da alimenti “light” o veloci da preparare.

Modifica il comportamento alimentare

La pericolosità del junk food ha anche un risvolto “psicologico” piuttosto grave, ovvero il suo consumo induce il cervello a orientarsi verso una sola tipologia di alimenti, modificando persino il gusto e la sensazione di fame. L’appetito cresce consumando zuccheri e cibi elaborati, ma si tratta di un tipo di fame altamente “selettiva”, quindi orientata solo ed esclusivamente proprio verso il cibo spazzatura.

Pericolo per i bambini

Un comportamento alimentare errato e squilibratoè in grado di generare dipendenza ed è deleterio sia per gli adulti sia per i bambini. Ma questi ultimi sono chiaramente condizionati dall’esempio familiare e dalla “storia” di salute genitoriale. Dunque, l’educazione alimentare risulta di vitale importanza sia in casa sia in “comunità”, che si tratti di scuola o associazione sportivo-ricreativa.

In breve

LEGGERE BENE L’ETICHETTA

Non è sempre facile riconoscere il cibo spazzatura. Per questo, risulta sempre di fondamentale importanzaimparare a leggere l’etichetta di ciò che acquistiamo o siamo tentati di comprare.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti