Colazione: metà dei bambini non la fa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/01/2016 Aggiornato il 28/01/2016

Nel nostro Paese solo 4 bambini su 10 fanno colazione, cui vengono dedicati 8 minuti e perfino in solitudine! Rischi per la salute

Colazione: metà dei bambini non la fa

Ancora un altro dato sconfortante sull’alimentazione dei nostri bambini. “Sotto osservazione” questa volta è la colazione, il pasto ritenuto da tutti i nutrizionisti come quello più importante della giornata. Da una recente indagine della Gfk (il campione di consumatori più grande d’Italia), in collaborazione con Kellogg e la fondazione Banco Alimentare Onlus, sulle abitudini alimentari di 6,3 milioni bambini italiani tra i 3 e i 13 anni, è emerso che:

– meno della metà fa tutti i giorni una colazione che preveda alimenti e bevande;

– 2,6 milioni di bambini la fanno qualche volta;

– 1,2 milioni non la fanno quasi mai.

Solo durante il fine settimana i bambini che mangiano al mattino aumentano a 4,1 milioni.  

Da soli e di fretta

La ricerca Gfk rivela anche che le famiglie italiane riservano pochissimo tempo alla colazione (quando la fanno!): poco più di 8 minuti. Inoltre, la maggior parte dei bambini al mattino mangia da solo, almeno durante la settimana. Discorso diverso nei week end, dove il 44% dei bambini (2,8 milioni) consuma il pasto più importante della giornata insieme alla famiglia.

Famiglie sempre più povere

Sarebbe questo un altro motivo per cui i bambini italiani saltano la colazione. In Italia, infatti, oltre 4,1 milioni di persone si troverebbero in uno stato di povertà assoluta e, di queste, oltre 1 milione sarebbero minori .

Il progetto “Breakfast for better days”

Voluto da Kellogg per aiutare i bambini in stato di povertà a fare colazione ogni giorno, questo progetto ha permesso nel 2015 di donare 6 milioni di porzioni di cereali e snacks per la prima colazione alle 21 sedi di Banco Alimentare.

Che cosa mangiare al mattino

Per essere completa una colazione deve prevedere: carboidrati (cereali, pane, biscotti), proteine (latte o yogurt), vitamine e sali minerali (frutta)

 

 

 
 
 

da sapere!

Fare colazione aiuta a prevenire sovrappeso, obesità e le malattie correlate come ipercolesterolemia, diabete e ipertensione arteriosa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti