Come aumentare le difese immunitarie del tuo bimbo a tavola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/05/2014 Aggiornato il 29/05/2014

Aumentare le difese immunitarie è possibile, anche solo prestando attenzione alla dieta del bambino. Ecco che cosa non deve mancare ogni giorno

Come aumentare le difese immunitarie del tuo bimbo a tavola

Anche in estate i bimbi si ammalano. Con il rischio di rovinare vacanze e giornate di gioco. Per aumentare le difese immunitarie serve innanzitutto una particolare attenzione a ciò che si porta a tavola. Vediamo come

Una dieta equilibrata

La prima regola per aumentare le difese immunitarie è quella di far seguire ai bambini una dieta il più possibile varia, equilibrata e corretta. Esistono anche specifici farmaci immunostimolanti, ma prima conviene puntare sull’alimentazione. Cercare di portare in tavola sempre alimenti diversi è importante, perché così si evitano carenze nutrizionali, pericolosissime per il corretto funzionamento del sistema immunitario.

Mai senza…

In più, ci sono alcune sostanze che stimolano in particolare la produzione di anticorpi e aiutano il sistema immunitario a essere più efficiente, così da aumentare le difese immunitarie. Ecco quali

Vitamina A

Contenuta nei vegetali di colore arancione, come carote e zucca, nei formaggi e nel fegato, oltre a svolgere un importante ruolo nella visione notturna, promuove l’integrità della pelle e stimola i linfociti (un tipo di globuli bianchi che si attiva per difendere l’organismo dalle aggressioni). In più, è fondamentale per produrre una sostanza antibatterica contenuta in lacrime, saliva e sudore, il lisozima.

Vitamine del gruppo B

Sono soprattutto la B1, B2, B6, B9 e B12 contenute in particolare nei vegetali (come carote, pomodori, lattuga spinaci, mele), nei derivati animali (uova, carne, pesce e latte) e nei cereali integrali e nei legumi. Sono indispensabili per il benessere e la crescita dell’organismo, nonché naturalmente per la vitalità del sistema immunitario.

Vitamina C

Si trova negli agrumi e nei vegetali. Favorisce la distruzione e l’eliminazione dei batteri e stimola la rigenerazione dei tessuti.

Vitamine D ed E

Ne sono ricchi vari cibi come il latte, il tuorlo d’uovo e gli ortaggi a foglia verde. Aumentano la resistenza nei confronti di germi che causano malattie.

Oligoelementi

Si tratta di sostanze, come rame, ferro, zinco, selenio, magnesio e manganese, presenti nell’organismo in quantità minime. Esplicano funzioni fondamentali e sono contenute in cereali, legumi, frutta secca, carne, pesce, uova e verdure. Coordinano le difese e favoriscono la produzione di anticorpi.

Acidi grassi polinsaturi

Sebbene si tratti di grassi di origine per lo più vegetale, sono presenti anche nel pesce. Agiscono positivamente su numerosi meccanismi del sistema immunitario.

In breve

NO INTEGRATORI FAI DA TE

Anche per gli adulti, ma in particolare per i bambini, non bisogna mai far assumere integratori alimentari senza aver sentito prima il parere del medico. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti