Come invogliare i bambini a mangiare le verdure

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 01/06/2021 Aggiornato il 01/06/2021

Le verdure sono fra i cibi meno graditi ai bambini. Ma convincerli ad assaggiarle non è impossibile. Basta adottare le strategie giuste

Come invogliare i bambini a mangiare le verdure

Non è solo una leggenda: i bambini detestano realmente le verdure . E non solo alcuni di loro: gli esperti stimano che un bambino su cinque non consumi una quantità sufficiente di vegetali e che la metà di loro protesti quando si trova nel piatto qualcosa di “verde”. Eppure, non è necessario ingaggiare lotte quotidiane per far sì che i piccoli di casa mangino più zucchine&Co. Una ricetta magica esiste. A spiegare quale è sono alcuni ricercatori della Loughborough University inglese, che hanno realizzato una guida, la Child Feeding Guide, per spiegare ai genitori quali sono le strategie migliori per riuscire nell’impresa e quali sono, invece, i metodi inutili o perfino controproducenti.

La prima arma è la pazienza

La prima regola da seguire per invogliare i bambini a mangiare le verdure è non demordere. Mamma e papà devono armarsi di pazienza e non scoraggiarsi di fronte ai primi fallimenti. Secondo gli esperti inglesi, infatti, le probabilità che il piccolo assaggi i vegetali – e spesso finisca anche con il gradirli – raddoppiano dopo alcune volte che glieli si propone. Questo perché può volerci del tempo per imparare ad apprezzare il sapore e la consistenza degli alimenti. Molti bambini richiedono fino a 15-20 esposizioni a un alimento prima di assaggiarlo. Per facilitare le cose è bene anche pronunciare frasi di incoraggiamento positive e non mettere fretta ai figli durante i pasti. 

Farsi aiutare in cucina

Se si vuole che i propri figli mangino più verdure è importante anche farglieli conoscere. I bambini, infatti, diffidano delle cose con cui non hanno confidenza. Sì, dunque, a lasciare che manipolino le verdure e le usino per giocare, per esempio nel classico gioco del mercato. Le bucce possono essere utilizzate poi per fare dei collage o dei lavoretti.
Altrettanto importante coinvolgere i figli nella preparazione dei pasti “verdi”: sì a spiegare loro quali verdure si stanno usando e come, quali proprietà hanno, affidare loro piccoli compiti, come mescolare o impastare. Così facendo si stimola la curiosità dei bimbi, che saranno invogliati ad assaggiare le verdure anche nei vari passaggi delle preparazioni. Inoltre, l’orgoglio e la soddisfazione per aver fatto qualcosa di importante, “da grandi”, aumenta le chance di successo.
 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per invogliare i bambini a mangiare le verdure è importante che mamma e papà diano il buon esempio: se i piccoli si abituano a vedere i vegetali in tavola fin da piccoli lo assaggeranno più volentieri. 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti