Come riuscire a far mangiare le verdure ai bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/06/2014 Aggiornato il 27/06/2014

Ecco come riuscire a far mangiare le verdure ai bambini: basta cucinare insieme. Lo dice un nuovo studio

Come riuscire a far mangiare le verdure ai bambini

Avete cercato di convincerlo in ogni modo, ma il bambino rifiuta sempre? Niente paura. C’è ancora una strada da tentare. Come riuscire a far mangiare le verdure ai bambini? Invitarlo a cucinare con voi. È questa la chiave vincente secondo un recente studio, condotto da un team di ricercatori del Nestlé Research Center, pubblicato sulla rivista scientifica Journal Appetite.

Aiutare in tutte le fasi di preparazione

La ricerca ha riguardato un gruppo di bambini e bambine di varia età. Gli autori li hanno divisi in due gruppi. Solo uno è stato invitato ad aiutare i genitori in cucina per qualche giorno. A tutti i partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario sull’alimentazione seguita e l’attività fisica praticata. Lo scopo era capire se il fatto di essere coinvolti nelle diverse fasi di preparazione del cibo influisse sulla tipologia di cibi scelti, in particolare sul consumo di cibi sani. L’obiettivo era capire come riuscire a far mangiare le verdure ai bambini.

Si mangia più insalata

Dall’analisi dei risultati, è emerso che i bambini che aiutavano i genitori a cucinare tendevano a mangiare più verdure, in particolare più insalata, fino al 76% in più. Inoltre, bruciavano una quota maggiore di calorie (circa il 25% in più) rispetto ai coetanei. “Abbiamo scoperto che i bambini che erano in cucina, a cucinare con i propri genitori, hanno mangiato molto di più, e soprattutto molte più verdure. Coinvolgerli nella preparazione delle pietanze potrebbe quindi aiutare lo sviluppo di sane abitudini alimentari” ha commentato Klazine Van Der Horst, responsabile dello studio. In effetti, gli esperti lo sostengono da tempo: il miglior modo per educare i figli e insegnare loro una corretta alimentazione è l’esperienza diretta e l’esempio.

Fa bene all’autostima

Non solo. Gli autori hanno scoperto che più tempo i ragazzini dedicavano alla preparazione dei pasti e più tempo dedicavano poi anche al loro consumo. Il tutto con il sorriso sulle labbra. Infatti, collaborare con mamma e papà alla realizzazione di diverse ricette diverte i bambini, ma li riempie anche di orgoglio e di soddisfazione personale. 

In breve

L’IMPORTANZA DEL BUON ESEMPIO

Non si può pretendere che il bambino si abitui a mangiare tante verdure se mamma e papà non consumano mai ortaggi. I genitori devono dare il buon esempio: così il figlio li emulerà. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti