Con il Covid-19 si fa meno sport = merenda dimezzata

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 14/01/2021 Aggiornato il 14/01/2021

La sospensione delle attività sportive imposta dal Covid-19 ha comportato un incremento di peso corporeo dei giovani. Secondo l’Unione Italiana Food e la Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione si può “contenere” dimezzando la quantità della merenda

Con il Covid-19 si fa meno sport = merenda dimezzata

L’Unione Italiana Food insieme alla Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione (SISA), ha recentemente pubblicato la campagna informativa “Giovani e Sport: quale merenda?” per aiutare a scegliere il giusto spuntino pomeridiano, soprattutto ora che, con la seconda ondata della pandemia, le ore dedicate allo sport sono state ridotte al minimo a causa della chiusura di scuole, palestre e piscine.

Per garantire un corretto apporto nutrizionale, è stato redatto un planning settimanale di 84 abbinamenti di merende dolci e salate che tiene conto dell’attività fisica praticata e dei fabbisogni energetici dei bambini e dei ragazzi dai 4 ai 17 anni suddiviso in quattro fasce d’età (4-6 anni, 6-11 anni, 12-14 anni e 15-17 anni)

La merenda dei bambini

Attraverso queste interviste la Doxa ha “fotografato” la merenda che fanno i bambini e i ragazzi italiani dai 5 ai 13 anni.  I risultati raggiunti sono stati i seguenti:

·      il 99% dei bambini e dei ragazzi italiani che praticano sport fa merenda, alternando più spesso la salata, come pane e prosciutto o formaggio, pizzette o cracker, a quella dolce a base di frutta, merendine, biscotti, yogurt;

·      6 giovani su 10, di età compresa tra i 5 e i 13 anni, fanno sport (circa 3 milioni di ragazzi).

·      L’Italia centrale è risultata la più sportiva (77%) tra il nord (60%) ed il sud (50%). Al sud e nelle isole 1 giovane su 2 non fa sport, in linea con l’altro dato che rileva che è l’area geografica italiana che registra il tasso più alto di obesità infantile.

Il calendario della  merenda

Si può facilmente consultare sul sito www.merendineitaliane.it e, attraverso la compilazione di un semplice questionario da parte dei genitori o degli stessi ragazzi, sarà possibile scoprire quale merenda è più idonea allo sport praticato e alla propria età. Secondo la dottoressa Silvia Migliaccio, segretario nazionale della SISA: “L’alimentazione del giovane sportivo deve garantire l’apporto di carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, sali minerali e acqua in quantità adeguate al fine di ottimizzare la prestazione, ma anche per garantire un equilibrio tra macro e micro nutrienti per perseguire al meglio le varie fasi della crescita”.

“Abilitate” anche le merendine confezionate

Tra i diversi abbinamenti settimanali proposti a rotazione di chi fa sport e di chi non lo fa, ci sono anche le merendine industriali, poiché oggi le industrie alimentari, rispetto al passato, garantiscono una ripartizione dei nutrienti simile a quella consigliata dalle più accreditate linee guida alimentari.

Sì, quindi, alle merendine, ma con una frequenza di consumo moderato di 1-2 volte alla settimana, per garantire il “concetto di dieta molto varia”, da sempre propagandato dai pediatri e nutrizionisti, che sostengono quanto sia proprio la “diversità” a ridurre il rischio di patologie, mentre a far male alla salute, sarebbe proprio il consumo eccessivo.

Esempi di merende consigliate in base allo sport e all’età

·      Bambino di 5-7 anni – partita di calcio di 1 ora: merendina a base di pan di spagna e tè;

·      ragazzo 11-13 anni – allenamento di basket di 1,5 ore: frullato di frutta e biscotti.

 

 
 
 

Da sapere!

Per adeguare il minor dispendio energetico conseguente alla sedentarietà impostaci dalla pandemia, è necessaria una rimodulazione dell’alimentazione.  Gli esperti suggeriscono di dimezzare la quantità delle merende per contenere l’apporto calorico giornaliero proponendo, ad esempio, un frutto o una spremuta o una merendina confezionata (controllando in etichetta le calorie), o un piccolo panino (30 g) con affettato (20 g), o ancora una fetta biscottata con un cucchiaino di marmellata o di cioccolata spalmabile.

 

Fonti / Bibliografia

  • SISA | Società Italiana di Scienze dell'Alimentazione
  • Giovani e sport: quale merenda? - Merendine ItalianeUna corretta merenda e una regolare attività fisica sono gli elementi fondamentali per promuovere benessere e salute fin da piccoli.   Scopri la Merenda ideale per i tuoi figli Nuoto, calcio, danza, basket. Sono tante le attività sportive praticate dai nostri bambini e ragazzi che richiedono un giusto apporto nutrizionale, non dimenticando la merenda. Non tutti i bambini hanno le stesse esigenze a livello calorico: la... Per saperne di più clicca qui
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti