Dieta bambino: quanto deve mangiare da 1 a 4 anni?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/08/2016 Aggiornato il 29/08/2016

Se fino ai 12 mesi ci sono tantissime indicazioni, dall'anno in avanti i genitori sono lasciati soli. E purtroppo troppo spesso esagerano con le quantità. Arrivano dalla Gran Bretagna le Linee guida che stabiliscono quanto il bambino deve mangiare età per età

Dieta bambino: quanto deve mangiare da 1 a 4 anni?

Genitori siete ancora dell’idea che i vostri figli mangino poco? Ricredetevi, perché un’indagine condotta dal forum Infant and Toddler in Gran Bretagna, dimostrerebbe il contrario! Così tanto da spingere un team di esperti a stilare le Linee guida su quanto il bambino deve mangiare per crescere sano.

Le porzioni corrette

Secondo il forum Infant and Toddler, le “giuste” quantità giornaliere di cibo per i bimbi da 1 a 4 anni dovrebbero essere:

  • 2-4 cucchiai di pasta o riso;
  • 1-4 cucchiai di purè o mezza patata lessata;
  • 3-6 cucchiai di cereali da colazione;
  • mezza fetta di pane;
  • 1-2 porzioni di frutta e verdura a ogni pasto più 2 spuntini;
  • fino a 3 porzioni di latticini al giorno: un bicchiere di latte (100-120 ml), uno yogurt (125 ml) e uno strato di formaggio spalmabile;
  • una porzione di carne, pesce o legumi due volte al giorno.

Non esagerare con frutta e verdura

Per quanto alimenti salutari, non bisogna comunque esagerare con la frutta e la verdura. Infatti, una porzione di frutta non corrisponde quasi mai a un frutto intero, ma a:

  • un quarto di mela fino a mezza mela;
  • da mezza a una banana intera;
  • da un quarto fino a ¾ di pera;
  • da un quarto fino a una pesca intera.

Una porzione di verdura, invece, corrisponde a:

  • da 2 a 6 carote;
  • un paio di foglie piccole di lattuga;
  • fino a 2 cucchiai di spinaci o piselli;
  • da 60 a 125 ml di passato di verdure.

Quanta carne, pesce, uova e legumi

Per il secondo piatto, le porzioni variano in base a questo schema indicativo:

  • carne = mezza fettina;
  • pesce = un filetto piccolo di pesce;
  • un uovo intero;
  • legumi = 2-4 cucchiai di fagioli o di lenticchie.

Pochi dolci

È fortemente raccomandato evitare del tutto i dolci sotto i due anni di età. E comunque le porzioni di dolci (biscotti, torte e merendine) devono essere molto piccole. Per esempio, mezzo biscotto ricoperto di cioccolato e mai più di una volta al giorno.

I bimbi si autoregolano

Fino a 4 anni i bambini sanno autoregolarsi: quando sono sazi, infatti, smettono di mangiare. Il problema sta nel fatto che esagerando con le porzioni si rischia di far perdere loro questa sensibilità.

 

 

lo sapevi che?

L’80% dei genitori (4 su 5) alimenta troppo i propri figli, esagerando con le quantità di cibo. Il 73% pensa che il proprio figlio non mangi abbastanza. Il 36% usa cibi non salutari (dolci per esempio) per calmarlo a seguito di un capriccio.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti