Dieta vegana bambini: attenzione ai denti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/11/2016 Aggiornato il 15/11/2016

Una dieta vegana non correttamente bilanciata può aumentare il rischio di malattie del cavo orale, soprattutto dei denti. Ecco perché

Dieta vegana bambini: attenzione ai denti

Che certi cibi possano compromettere la salute dei denti è ormai risaputo. Ma fino a oggi si è sempre pensato che i colpevoli fossero solo i dolci. Invece, anche gli alimenti che all’apparenza sembrano i più innocui di tutti, quelli vegetali, possono minacciare il cavo orale. A lanciare l’allarme è stato il dottor Jacopo Gualtieri, odontoiatra di Lucca, membro dell’Eao (European association for osseointegration) e medico del reparto di odontostomatologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Pro e contro della dieta vegana

La dieta vegana, cioè a base di alimenti esclusivamente di origine vegetale, apporta moltissimi benefici all’organismo. Per esempio, riduce l’ipertensione, protegge dalle malattie cardiovascolari, abbassa il rischio di obesità. Ma se non è correttamente bilanciata può essere anche nociva. Non solo può causare carenze alimentari, ma anche danneggiare i denti.

A rischio i denti

Un’indagine condotta qualche tempo fa da un gruppo di ricercatori tedeschi, del Department of Conservative Dentistry, Periodontology and Preventive Dentistry della Hannover Medical School, aveva dimostrato che i vegetariani potevano vantare una migliore condizione del cavo orale rispetto alle persone onnivore, in particolare minori infiammazioni, minore propensione alla caduta di denti e un livello di igiene mediamente più alto. Tuttavia, erano più vulnerabili alle carie e all’erosione dei denti, soprattutto se non seguivano un regime bilanciato.

Cibi vegetali ricchi di zuccheri

Per quali ragioni i cibi vegetali possono danneggiare i denti? “È palese che la dieta vegetariana, in particolar modo quella vegana, se non correttamente bilanciata, comporta un maggiore rischio per la salute dei denti. Questo, principalmente, sia a causa di un deficit di calcio e vitamine B, D e B12, a cui deve far fronte chi elimina dalla propria dieta i prodotti di origine animale, sia per una maggiore presenza di sostanze cariogeniche, come zuccheri e acidi, negli alimenti vegetariani” ha risposto il dottor Gualtieri. Per queste ragioni, i dentisti consigliano a chi segue o vuole seguire una dieta priva di carne di rivolgersi sempre a un nutrizionista, così da evitare errori che possono essere difficili da rimediare. 

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

ATTENZIONE ALL’IGIENE ORALE

Chi non mangia carne e si nutre esclusivamente di cibi vegetali, per proteggere i denti, deve prestare ancora più attenzione all’igiene orale dopo i pasti. Inoltre, deve assicurarsi un corretto introito di sostanze come calcio, vitamine e arginina, se necessario anche attraverso integratori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti