Dieta vegetariana bambini: rischio sottopeso, lo studio pubblicato

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 21/06/2022 Aggiornato il 21/06/2022

I bambini che seguono una dieta vegetariana hanno parametri di crescita simili ai coetanei che mangiano carne, ma sono più frequentemente in sottopeso. Fondamentale pianificare con cura e chiedere il sostegno di specialisti quando si tratta di programmare un’alimentazione vegetariana per le fasce di età più giovani

dieta vegetariana ai bambini: ci sono rischi?

I bambini che seguono una dieta vegetariana hanno parametri di crescita sovrapponibili a quelli dei coetanei che nella loro alimentazione non escludono carne e derivati. Le misurazioni sono state fatte da un gruppo di ricercatori  del St. Michael’s Hospital of Unity Health di Toronto, che hanno pubblicato i risultati dei loro studi in un articolo su Pediatrics (). Dalla ricerca è, però, anche emerso che i giovanissimi che seguono una dieta vegetariana hanno maggiori probabilità di risultare sottopeso, sottolineando la necessità di pianificare con cura e di chiedere il sostegno di specialisti quando si tratta di programmare diete vegetariane per bambini.

Dieta vegetariana nei bambini: si rischia il sottopeso?

I dati da cui emerge che i bambini che non consumano carne rischiano più frequentemente di essere sottopeso rispetto ai coetanei che mangiano questo tipo di alimento, spiegano gli stessi autori dell’articolo su Pediatrics, per essere ben compresi devono essere inquadrati considerando che nel corso della ricerca non è stata valutata la qualità delle diete vegetariane seguite dai bambini partecipanti allo studio. Un dato da non sottovalutare dal momento che, affermano gli studiosi, “la dieta vegetariana si presenta in molte forme e la qualità dell’alimentazione individuale può essere molto importante per la crescita e gli introiti nutrizionali”. Ed è proprio per questo che in futuro, precisano gli autori dello studio, dovranno essere condotte ulteriori ricerche per esaminare la qualità delle diete vegetariane durante l’infanzia.

Allo studio hanno partecipato quasi 9.000 bambini di età compresa tra sei mesi e otto anni seguiti tra il 2008 e il 2019. I ricercatori hanno rilevato che quelli che seguono una dieta vegetariana hanno parametri di crescita e introiti nutrizionali (ferro, vitamina D, colesterolo) giornalieri simili ai coetanei che mangiano carne, ma che nel complesso hanno probabilità quasi due volte maggiori di essere sottopeso.

I risultati dello studio arrivano in un momento in cui in Canada è in aumento il consumo di alimenti a base vegetale, anche grazie all’esortazione ai canadesi da parte degli aggiornamenti della Guida alimentare canadese nel 2019 a preferire le proteine ​​​​vegetali, come fagioli e tofu, alla carne.

 

 

 
 
 

In sintesi

Che differenza c’è tra dieta vegetariana e vegana?

Non esiste un unico tipo ma diverse tipologie di “diete vegetariane”  che differiscono tra loro – anche significativamente – in quanto a restrizione/esclusione di una o più famiglie di alimenti. La terminologia “dieta vegetariana” si riferisce alla dieta latto-ovo-vegetariana (LOV) in cui sono esclusi alimenti animali (carne, pesce, molluschi e crostacei) ma ammessi derivati animali (latte, latticini e formaggi, uova, propoli, ecc). Le diete ovo-vegetariana (esclude latte e derivati ma non uovo) e latto-vegetariana (esclude uovo ma non latte e derivati) sono due derivazioni della latto-ovo-vegetariana. Il termine vegano/a si riferisce a una dieta priva di alimenti animali e anche di tutti i derivati animali (uova, latte e derivati, miele, propoli, pappa reale, ecc).

 

Fonti / Bibliografia

  • Vegetarian Diet, Growth, and Nutrition in Early Childhood: A Longitudinal Cohort Study | Pediatrics | American Academy of Pediatrics10.1542/6301393413001Video AbstractPEDS-VA_2021-0525986301393413001OBJECTIVES. The primary objective of this study was to examine the relationships between vegetarian diet and growth, micronutrient stores, and serum lipids among healthy children. Secondary objectives included exploring whether cow’s milk consumption or age modified these relationships.METHODS. A longitudinal cohort study of children aged 6 months to 8 years who participated in the TARGet Kids! cohort study. Linear mixed-effect modeling was used to evaluate the relationships between vegetarian diet and BMI z-score (zBMI), height-for-age z-score, serum ferritin, 25-hydroxyvitamin D, and serum lipids. Generalized estimating equation modeling was used to explore weight status categories. Possible effect modification by age and cow’s milk consumption was examined.RESULTS. A total of 8907 children, including 248 vegetarian at baseline, participated. Mean age at baseline was 2.2 years (SD 1.5). There was no evidence of an ass...
  • Diete vegane e vegetariane - Ospedale Pediatrico Bambino GesùIn genere queste diete non sono raccomandate in età pediatrica perché non forniscono al bambino tutti i nutrienti di cui ha bisogno per la crescita
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti