Diete speciali nei bambini: i pediatri invitano alla cautela

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 13/08/2018 Aggiornato il 13/08/2018

Le diete speciali nei bambini, da quella senza glutine a quella con pochi carboidrati, non sono sempre indicate e perciò vanno prescritte dal medico

Diete speciali nei bambini: i pediatri invitano alla cautela

Dalla gluten free a quella a basso contenuto di carboidrati, fioriscono diete speciali nei bambini per curare vari disturbi, come quelli addominali funzionali, che colpiscono il 20% dei piccoli e si manifestano con mal di pancia e gonfiore. Ma funzionano? E quali sono i rischi di un’alimentazione restrittiva nei piccoli? Secondo gli specialisti della Sip (Società italiana di pediatria), i disordini addominali funzionali non hanno una causa organica e i benefici delle diete speciali nei bambini o dei farmaci sono in molti casi simili all’effetto placebo.  

Rischi per i più piccoli

In generale, tutte le diete speciali, che escludono alcuni alimenti (le cosiddette “diete di eliminazione”), presentano dei rischi per i bambini, perché possono compromettere lo stato nutrizionale o l’equilibrio psicofisico. Pertanto, è importante che, quando strettamente necessarie, vengano decise e pianificate dal medico, che deve monitorare i risultati e valutare il miglioramento in base a parametri oggettivi.

Glutine sì o no?

La dieta gluten free, per esempio, è da raccomandare solo in caso di una diagnosi clinica di celiachia o di allergia al grano ig-E mediata. Mentre,  invece, è usata spesso anche dai non celiaci per contrastare disordini addominali funzionali. In molti casi, però, la sua efficacia è debole e soprattutto non priva di rischi. I prodotti senza glutine, infatti, possono avere un minore contenuto di micronutrienti (ferro, zinco, magnesio) e fibre e più grassi. Nessun effetto è dimostrato sulla capacità di far perdere peso.

Low carb

A proposito di diete speciali, la dieta Fodmap sviluppata da ricercatori australiani e basata su una riduzione o eliminazione degli alimenti contenenti carboidrati caratterizzati da un’elevata resistenza alla digestione, basso livello di assorbimento nel tratto intestinale e lunga fermentazione nell’intestino, secondo studi condotti sugli adulti potrebbe avere un impatto favorevole sul dolore e sul gonfiore addominale e migliorare i sintomi dell’intestino irritabile. Tuttavia, l’efficacia delle diete speciali nei bambini è ancora poco chiara: sono necessari ulteriori studi. Inoltre queste diete, se non seguite correttamente, possono alterare la flora batterica intestinale, riducendo i batteri buoni.

 
 
 

Da sapere!

A seconda del tipo di zucchero, i Fodmap si trovano in vari alimenti: grano, segale, cipolle, aglio, carciofi, legumi, latte e prodotti caseari, miele, pere, mele, anguria, mango, funghi, cavolfiore, gomme da masticare. 

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti