Diete speciali nei bambini: i pediatri invitano alla cautela

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 23/07/2019 Aggiornato il 23/07/2019

Le diete speciali, da quella senza glutine a quella con pochi carboidrati, non sono sempre indicate nei bambini. Vanno prescritte dal medico.

Diete speciali nei bambini: i pediatri invitano alla cautela

Fioriscono le diete speciali: quella senza glutine, quella low carb, quelle a basso contenuto di lattosio. Vanno bene anche per i bambini? La domanda viene posta perché questi regimi vengono proposti ai piccoli per curare vari disturbi, come quelli addominali, che colpiscono due bambini su 10. I sintomi principali sono mal di pancia e gonfiore. La risposta arriva dai pediatri della Sip (Società italiana di pediatria): i disturbi addominali funzionali non derivano da problemi organici e diete e farmaci sono spesso inefficaci.

Rischi per i più piccoli

Le diete speciali sono quelle che escludono precisi alimenti (per questo sono anche dette “di eliminazione”), non sono prive di rischi per i bambini, perché possono alterare lo stato nutrizionale o l’equilibrio psicofisico. È il medico che deve decidere quando vanno seguite, pianificando gli schemi quotidiani, monitorando i risultati e valutando il miglioramento in base a parametri oggettivi.

Glutine sì o no?

La dieta gluten free, per esempio, è da raccomandare solo in caso di una diagnosi clinica di celiachia o di allergia al grano accertata attraverso specifici esami del sangue. Invece viene adottata da molte persone per i motivi più diversi, dal dimagrimento all’eliminazione del gonfiore. Ma non è sempre efficace e soprattutto non è priva di rischi per la salute, se non seguita correttamente. I prodotti senza glutine possono presentare un contenuto di micronutrienti (ferro, zinco, magnesio) e fibre e diverso rispetto a quelli tradizionali. Nessun effetto è dimostrato sulla capacità di far perdere peso.

Low carb

A proposito di diete speciali la dieta Fodmap di origine australiana e basata su una diminuzione o eliminazione di cibi a base di carboidrati difficilmente digeribili e con difficoltà di assorbimento intestinale e lunga fermentazione nell’intestino, potrebbe migliorare i sintomi dell’intestino irritabile, il dolore e il gonfiore dopo i pasti, ma questo effetto è stato provato solo sugli adulti mentre non è ancora stata chiarita l’efficacia sui bambini: sono necessari ulteriori studi. Inoltre queste diete, se non seguite correttamente, possono alterare la flora batterica intestinale, riducendo i batteri buoni.

 
 
 

Da sapere!

A seconda del tipo di zucchero, i Fodmap si trovano in vari alimenti: grano, segale, cipolle, aglio, carciofi, legumi, latte e prodotti caseari, miele, pere, mele, anguria, mango, funghi, cavolfiore, gomme da masticare. 

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Diete speciali nel bambino: da usare con cautela, occhio alle bufale – SIPDalla gluten free a quella a basso contenuto di FODMAP: fioriscono nuove diete “salutari”. Verità scientifiche o solo mode nutrizionali? Al Congresso della Società Italiana di Pediatria le “istruzioni per l’uso” per una corretta alimentazione in età pediatrica. E le nuove prospettive offerte dalla “dieta personalizzata”. Roma, 16 giugno 2018 - Dalla gluten free a quella a basso contenuto di FODMAP (carboidrati non assorbibili che fermentano nel colon): fioriscono diete speciali offerte anche in età pediatrica per curare vari disturbi. Tra questi soprattutto i “disordini addominali funzionali”, che colpiscono ben il 20% dei bambini e si manifestano con mal di pancia e gonfiore addominale. Ma funzionano davvero o si tratta solo di mode nutrizionali? E più in generale quali sono i rischi di un’alimentazione restrittiva nei bambini? Sul tema si confrontano gli esperti della Società Italiana di Pediatria riuniti a Roma al Congresso Nazionale in una tavola rotonda dal titolo “Diete speciali...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti