Disturbi alimentari: bambini a rischio già a 8 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/05/2017 Aggiornato il 10/05/2017

L’età a rischio per i disturbi alimentari è sempre più bassa. Alcuni bambini si ammalano già a 8 anni. Ecco per quali ragioni

Disturbi alimentari: bambini a rischio già a 8 anni

Sono problematiche sempre più variegate e sempre più diffuse. Purtroppo oggi, a differenza di quanto accadeva in passato, non riguardano solo adolescenti e giovani adulti. Bulimia, anoressia e altri disturbi alimentari colpiscono anche i giovanissimi, fin dagli 8 anni di età. A lanciare l’allarme sono gli esperti dell’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Un gruppo ampio di disturbi

I disturbi alimentari costituiscono un gruppo ampio ed eterogeneo di problematiche, tutte caratterizzate da un rapporto poco sano con il cibo. I più conosciuti sono bulimia e anoressia nervosa. Ma non sono gli unici. Ultimamente è stato classificato un nuovo disturbo: l’Arfid o disturbo dell’alimentazione evitante/restrittivo, che si manifesta soprattutto con un’eccessiva selettività del cibo. I bambini interessati potrebbero addirittura arrivare a mangiare solo cibi di un determinato colore o con una determinata conseguenza.

Sempre più precoci

Tutti i disturbi alimentari si manifestano in età sempre più precoce. “Negli ultimi anni si è registrato un abbassamento dell’età fino agli 8-9 anni” hanno spiegato gli esperti del Bambino Gesù di Roma. Addirittura l’Arfid potrebbe manifestarsi fin da due-tre anni di età. Le ragioni? Sono diverse. Innanzitutto, occorre considerare che oggi l’età puberale nelle bambine si è ridotta parecchio, per cui i pericoli compaiono prima rispetto al passato. L’uso massiccio di internet e la diffusione dei social network  non sta facendo altro che complicare le cose. Infatti, aumenta i confronti con modelli di bellezza irraggiungibili. Fortunatamente, non si tratta di malattie impossibili da contrastare. È necessario però che il bambino in difficoltà sia preso in carico da un’équipe multidisciplinare esperta e che la famiglia sia disposta a collaborare.

 

 

 
 
 

In breve

IL NUMERO DA CHIAMARE PER RICEVERE AIUTO

Proprio per aiutare i bambini affetti da disturbi alimentari e i loro genitori, il reparto di Neuropsichiatria infantile dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma ha attivato un servizio di assistenza telefonica disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Risponde alle chiamate un team di psicologi esperti, in grado di offrire un primo supporto a chi è in difficoltà. Il numero da chiamare è: 06. 68.59.22.65. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti