Disturbi alimentari: colpiti sempre più bambini

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 02/05/2019

Si abbassa l’età e aumenta il numero di bambini e adolescenti, anche maschi, che soffrono di disturbi del comportamento alimentare. Importante intervenire presto

Disturbi alimentari: colpiti sempre più bambini

I disturbi del comportamento alimentare (Dca) sono un problema per moltissimi giovani e non solo. Questi disturbi, infatti, rendono la vita difficile a chi ne soffre (ma anche ai loro genitori). Spiega Laura Della Ragione, responsabile dei centri per la cura dei disturbi alimentari Palazzo Francisci e Nido delle Rondini di Todi (una delle prime strutture residenziali pubbliche aperte): “La situazione va affrontata il prima possibile, perché ci sono ragazzine di 11 anni che hanno già  disturbi alimentari”.

Manca un’assistenza omogenea

Regioni come Umbria, Veneto, Lombardia e Basilicata sono all’avanguardia nel percorso di cura grazie a centri ambulatoriali e strutture residenziali, ma altre regioni restano ancora ai margini, come per esempio la Sardegna, la Calabria, la Sicilia. “E questo complica ulteriormente la vita di pazienti e parenti – prosegue l’esperto -, poiché le famiglie sono costrette a spostarsi anche a 800 chilometri dalla propria città per ricevere un’assistenza adeguata”.

Codice lilla e altre iniziative

Di recente in Senato sono state approvate due proposte di legge per cercare di bloccare siti e blog pro-anoressia ed è stato avviato nei Pronto soccorso il “Codice lilla”, un percorso specifico per accogliere i pazienti con disturbi dell’alimentazione in modo da poter avviare da subito un adeguato percorso terapeutico (tra i primi c’è il policlinico Agostino Gemelli di Roma). Infine, è prevista l’istituzione dell’Osservatorio sulla malnutrizione con l’obbiettivo di ottenere dati certi, suddivisi territorio per territorio, in modo da poter creare una rete assistenziale mirata e multidisciplinare. Il progetto, affidato all’Istituto superiore della sanità, darà vita a una mappatura completa dei centri, degli ambulatori, delle strutture sanitarie pubbliche.

 

 

Lo sapevi che?

Recenti studi hanno messo in luce il ruolo del microbiota nei disordini alimentari, dimostrando come i batteri dell’intestino possano agire sul cervello e modificare il controllo dell’appetito e delle modalità comportamentali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti