È allarme per i disturbi alimentari nei bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/10/2013 Aggiornato il 31/10/2013

Nell’esercito delle persone (in maggioranza femmine) colpite da disturbi alimentari ci sono sempre più bambini

È allarme per i disturbi alimentari nei bambini

L’anoressia, uno dei disturbi del comportamento alimentare, miete sempre più vittime, e nell’esercito dei pazienti (in maggioranza di sesso femminile) ci sono sempre più bambini. È quanto è emerso all’ultimo congresso della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps): l’età di comparsa dell’anoressia si sta abbassando pericolosamente e si vedono perfino casi in bambini di sei o sette anni.

I numeri rivelano una realtà drammatica

In passato disturbi alimentari come anoressia e bulimia comparivano intorno ai 18 anni; oggi l’età media si è abbassata a 16 anni ma sono molti i casi di anoressia precoce, che si manifesta prima dei 13 anni. “Non mancano bambini della scuola elementare – spiega Antonella Gritti, docente di neuropsichiatria infantile all’università Suor Orsola Benincasa di Napoli -. I motivi ipotizzati sono molti: il maggior peso dato oggi alla forma fisica e all’estetica, l’aver avuto genitori con disturbi alimentari e il generale incremento di problemi psichiatrici in età evolutiva”.

I campanelli d’allarme prima della pubertà

Disturbi alimentari come l’anoressia prima della pubertà rivelano una realtà particolarmente grave perché, anche se non si arriva a un vero decadimento fisico, può bloccare lo sviluppo del bambino. Continua la dottoressa Antonella Gritti: “I genitori devono prestare attenzione a particolari segnali: se il bambino va incontro a una progressiva restrizione alimentare, diventando sempre più selettivo e svogliato; se dopo una frustrazione a scuola o nello sport perde l’appetito a lungo; se l’appetito cala anche in assenza di una malattia”. Perfino i bambini prima dei cinque anni possono avere disturbi alimentari su base relazionale, dovuti a qualche difficoltà nei rapporti familiari. “Se il momento del pasto è problematico bisogna farsi qualche domanda e magari chiedere un parere al pediatra”.

 

In breve

COLPITE SOPRATTUTTO LE BAMBINE

Anoressia nervosa e bulimia nervosa sono malattie gravi cui sono generalmente associati altri disturbi psichiatrici e complicanze mediche. L’incidenza e la prevalenza di questi disturbi hanno una netta prevalenza femminile soprattutto tra i 14 e i 20 anni. Ma, come confermano i pediatri della Sip, l’età si sta abbassando pericolosamente e si vedono perfino casi di anoressia in bambini di sei o sette anni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti