Frutta ai bambini: fondamentale in tutte le diete

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 17/04/2012 Aggiornato il 17/04/2012

La frutta per i bambini è importante perché è ricca di sostanze preziose come vitamine, sali minerali, fibre, e acqua, che aiutano a idratare l’organismo

Frutta ai bambini: fondamentale in tutte le diete

La frutta per i bambini è fondamentale perché, grazie al contenuto di acqua (80-90 per cento) e sali minerali, favorisce l’idratazione dell’organismo. Inoltre, perché contiene fibre, sostanze che non apportano energia ma sono importanti per il buon funzionamento di organi e tessuti. In particolare, le fibre della frutta, di tipo solubile, aiutano ad ammorbidire le feci facilitandone l’espulsione, dunque il transito intestinale.

Vitamine

La frutta per i bambini è importante anche perché è ricca di vitamine. In particolare, negli agrumi, nei kiwi, nelle fragole e nei frutti di bosco si trova la vitamina C: rinforza il sistema di difesa naturale dell’organismo e serve per la protezione delle membrane cellulari, per la cicatrizzazione delle ferite e l’assorbimento del ferro. In albicocche, cachi, pesche e melone si trova invece il betacarotene, precursore della vitamina A. Il betacarotene, che l’organismo trasforma appunto in vitamina A, è un antiossidante ed è fondamentale per il benessere della pelle, degli occhi e delle mucose (tessuti di rivestimento interno).

Sali minerali

La frutta per i bambini è essenziale inoltre perché contiene sali minerali. Le banane, i kiwi e le albicocche sono un’ottima miniera di potassio, necessario poiché regola l’equilibrio idrosalino (tra sali e liquidi) e aiuta il funzionamento di nervi e muscoli. Questo minerale è ancora più importante nel piccolo perché il suo ricambio idrosalino è molto delicato.

Il calendario da seguire

Prima di dare la frutta al bebè è importante consultare prima il pediatra. In linea generale, il calendario

è però così suddiviso. Da 4-6 mesi si possono dare mela, banana, pera e prugna per il loro sapore dolce e delicato e l’alta digeribilità.
Da 10 mesi, pesca, pesca noce e albicocca. Sotto forma di omogeneizzato, però questi frutti possono essere dati già verso i 6 mesi perché più digeribili. Da 12 mesi si possono proporre agrumi e kiwi: possono determinare allergia nei piccoli predisposti e quindi devono essere introdotti più tardi nell’alimentazione del piccolo.

Dopo i 2 anni

Si possono introdurre tutti gli altri tipi di frutta, che non devono essere proposti prima perché altamente allergizzanti se il piccolo è predisposto, come fragole, ciliegie, uva, frutta secca. Da quest’età si può offrire al piccolo anche la frutta con la buccia, che è la parte più ricca di fibre.

In breve

Frutta: un alimento indispensabile per i bambini

È essenziale perché, grazie al suo contenuto di acqua (80-90%) e di sali minerali, favorisce l’idratazione dell’organismo. In più, la grande percentuale di fibre aiuta il transito intestinale, e la ricchezza di vitamine rafforza il sistema naturale di difesa dell’organismo. Occorre consultare il pediatra che indicherà ai genitori il calendario con cui inserire i vari tipi di frutta.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti