Frutta per i bambini: un toccasana, specialmente in estate

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 07/08/2019 Aggiornato il 07/08/2019

Mangiare frutta fa bene ai bambini grazie al contenuto di sostanze nutritive. E aiuta anche a prevenire l’obesità. Con l’attenzione di acquistare prodotti di stagione, a chilometro zero e biologici

Frutta per i bambini: un toccasana, specialmente in estate

In ogni stagione dell’anno c’è un’ampia scelta, ma quella estiva è particolarmente gradita ai piccoli. Ecco perché la frutta per i bambini non deve mani mancare.

Fibre, vitamine, minerali e acqua

La frutta dell’estate, in particolare, grazie al suo elevato apporto di fibra, sali minerali e vitamine, è un toccasana per affrontare il caldo.  Via libera quindi a fragole, ciliegie, albicocche, pesche, meloni, angurie, fichi, pere, susine, uva e frutti di bosco. Secondo gli esperti della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale), la frutta per i bambini (e non solo) deve essere consumata preferibilmente fresca, di stagione, a km 0 e proveniente da coltivazione biologica, che garantisce l’assenza di pesticidi.

Il parere dell’esperto

“Il consumo di frutta e verdura – sottolinea la Lisa Mariotti, nutrizionista pediatrica dipartimento medicina dell’infanzia e dell’età evolutiva Asst Fatebenefratelli-Sacco di Milano, consulente nutrizionista Sipps – andrebbe incentivato soprattutto nei bambini e negli adolescenti, anche per arginare l’epidemia di obesità() che minaccia di trasformare i prossimi decenni in un’emergenza di salute pubblica. La presenza della frutta nell’alimentazione del bambino è importante fin dal momento dello svezzamento, dal punto di vista sia nutrizionale sia educativo, per abituare il bebè ad un’ampia gamma di sapori”.

 

 

Da sapere!

In alternativa alla frutta, i centrifugati di frutta sono ottimi spuntini tra un pasto e l’altro. In questo modo si evita di assumere troppi zuccheri e grassi e non si rinuncia all’energia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti