Frutta per i bambini: un toccasana, specialmente in estate

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 07/08/2019 Aggiornato il 07/08/2019

Mangiare frutta fa bene ai bambini grazie al contenuto di sostanze nutritive. E aiuta anche a prevenire l’obesità. Con l’attenzione di acquistare prodotti di stagione, a chilometro zero e biologici

Frutta per i bambini: un toccasana, specialmente in estate

In ogni stagione dell’anno c’è un’ampia scelta, ma quella estiva è particolarmente gradita ai piccoli. Ecco perché la frutta per i bambini non deve mani mancare.

Fibre, vitamine, minerali e acqua

La frutta dell’estate, in particolare, grazie al suo elevato apporto di fibra, sali minerali e vitamine, è un toccasana per affrontare il caldo.  Via libera quindi a fragole, ciliegie, albicocche, pesche, meloni, angurie, fichi, pere, susine, uva e frutti di bosco. Secondo gli esperti della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale), la frutta per i bambini (e non solo) deve essere consumata preferibilmente fresca, di stagione, a km 0 e proveniente da coltivazione biologica, che garantisce l’assenza di pesticidi.

Il parere dell’esperto

“Il consumo di frutta e verdura – sottolinea la Lisa Mariotti, nutrizionista pediatrica dipartimento medicina dell’infanzia e dell’età evolutiva Asst Fatebenefratelli-Sacco di Milano, consulente nutrizionista Sipps – andrebbe incentivato soprattutto nei bambini e negli adolescenti, anche per arginare l’epidemia di obesità() che minaccia di trasformare i prossimi decenni in un’emergenza di salute pubblica. La presenza della frutta nell’alimentazione del bambino è importante fin dal momento dello svezzamento, dal punto di vista sia nutrizionale sia educativo, per abituare il bebè ad un’ampia gamma di sapori”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In alternativa alla frutta, i centrifugati di frutta sono ottimi spuntini tra un pasto e l’altro. In questo modo si evita di assumere troppi zuccheri e grassi e non si rinuncia all’energia.

 

Fonti / Bibliografia

  • Home - SIPPS  La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) ha una lunga e gloriosa tradizione. Se si vuole, come è d’uso, ricollegarla alla Fondazione di Nipiologia, ha ormai raggiunto un secolo di vita. Come associazione scientifica indipendente ha una storia un po’ più breve, circa 60 anni, che si ricollega a quella della Società …
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti