Frutta e verdure: trasformale in un gioco!

Pasticciare e giocare con frutta e verdure spinge i bambini a mangiarle più volentieri

Frutta e verdure: trasformale in un gioco!

“Non giocare con il cibo”: una regola spesso trasgredita dai bambini con conseguenti rimproveri dea parte dei genitori. Una ricerca inglese della De Montfort University di Leicester, nel Regno Unito, pubblicata sulla rivista Appetite, ha dimostrato, invece, che schiacciare o dare nuove forme in particolare alla frutta e verdure, in genere poco amate dai più piccoli, li aiuta a scoprirne il gusto e a mangiarne di più. 

Un’età critica

Gli studiosi hanno preso in esame 62 bambini tra i 3 e i 4 anni, proprio l’età critica per il rifiuto di certi alimenti. È stato chiesto ai genitori di registrare quanta frutta e verdure mangiassero una settimana prima dell’inizio della ricerca. Il campione di bambini è stato quindi suddiviso in tre mini gruppi. Al primo sono state  consegnate ciotole di broccoli, carote, spinaci, banane, ravanelli, arance, limoni, cetrioli, pomodori e mirtilli ed è stato chiesto loro di usarli per riprodurre le immagini di un libro per bambini. Sono stati, quindi, incoraggiati a schiacciare o rimodellare gli alimenti, se necessario. Il secondo gruppo, invece, doveva giocare con paillettes, piume e brillantini; mentre al terzo gruppo di bambini è stato chiesto di giocare a un gioco simile a quello del primo, ma solo i ricercatori potevano toccare frutta e la verdure. Al termine della sperimentazione, ai piccoli è stato chiesto di provare uno qualsiasi degli alimenti e dai risultati è emerso che chi aveva “giocato” con frutta e verdure ne assaggiava quantità decisamente maggiori.

Frutta e verdura per una dieta equilibrata

Riuscire a far mangiare frutta e verdure ai propri figli è spesso uno dei compiti più ardui per i genitori ma, stando ai risultati della ricerca inglese, che familiarizzare e interagire con il cibo e trasformare le verdure in piccoli animali o in oggetti, spinga i bambini a mangiarne di più. Le mamme più creative, del resto, l’hanno sempre fatto. È importante ricordare  che anche i bambini devono mangiare cinque porzioni di frutta e verdure al giorno per fare il pieno di vitamine, sali minerali e fibre.

 

 

 
 
 

In breve

L’IMPORTANZA DEL BUON ESEMPIO

Innanzitutto è necessario che i genitori diano il buon esempio: se loro per primi non mangiano frutta e verdura, perché i bambini dovrebbero farlo?

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti