Ftalati nei contenitori dei fast food pericolosi per la salute

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 21/06/2016 Aggiornato il 21/06/2016

Possono entrare in contatto con l’organismo e provocare conseguenze. Ecco perché gli ftalati rappresentano un rischio

Ftalati nei contenitori dei fast food pericolosi per la salute

Sapevamo già che il cibo dei fast food non è il più salutare; adesso un recente studio americano, condotto su circa 9.000 persone, ha rivelato anche la presenza di ftalati nei contenitori di plastica utilizzati in questo tipo di locali. Lo studio, realizzato dalla George Washington University, ha dimostrato anche che, in coloro che hanno consumato cibo dai fast food, i livelli di ftalati si sono rivelati più elevati del 40%. I risultati sono stati ottenuti mediante un questionario sul consumo di cibo nelle 24 ore precedenti al prelievo di un campione di urina da testare.

Sostanze pericolose

Gli ftalati sono usati nell’industria delle materie plastiche come agenti plastificanti per migliorarne la flessibilità e modellabilità e possono entrare in contatto con l’organismo di chiunque mangi o beva alimenti contenuti in contenitori di plastica.

Studiati da anni

La larga diffusione nell’uso degli ftalati, avvenuta negli ultimi 40 anni, ha portato a studiare in modo approfondito gli effetti sulla salute. Diversi studi scientifici suggeriscono che possono influire negativamente. Uno studio dello scorso anno ha collegato l’uso di agenti chimici di questo tipo nei cosmetici a un innalzamento della pressione sanguigna negli adolescenti. Sperimentazioni sugli animali da laboratorio hanno mostrato che i tipici effetti critici riguardano la tossicità epatica, testicolare e riproduttiva. Alcune fonti di esposizione possono essere rintracciate nei processi di lavorazione della carne e nell’imballaggio delle diverse fasi di produzione.

I limiti europei e italiani

In Italia l’utilizzo degli ftalati non è consentito in dosi superiori allo 0,1% né nei giocattoli, né nei prodotti destinati all’infanzia, per timore che i bambini possano ingerirli. Una direttiva della  Commissione europea (30 marzo 2007), relativa ai materiali e agli oggetti di materia plastica destinati a diventare confezioni alimentari, ha stabilito i limiti in cui alcuni ftalati possono essere utilizzati.

 

 

 

In breve

ALTERANO L’EQUILIBRIO ORMONALE

Alcuni studi hanno messo in luce come, nei bambini, queste sostanze avrebbero gli stessi effetti degli ormoni estrogeni, arrivando a provocare addirittura disturbi nello sviluppo dei genitali e nella maturazione dei testicoli.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti