I bambini italiani mangiano ancora troppo poco pesce

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/08/2015 Aggiornato il 12/08/2015

Trend dei consumi di iodio “immobile da 4-5 anni”: è quanto ha constatato la Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica. Attenzione alle conseguenze

I bambini italiani mangiano ancora troppo poco pesce

Circa 6 milioni di italiani (oltre 1 su 10) soffrono di gozzo; di questi, almeno il 20% riguarda la popolazione giovanile (1 su 5). È un dato rilasciato dall’Istituto superiore della sanità.

Carenze anche nei posti di mare

Per questo la Società di italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica (Siedp) ha presentato una campagna di informazione estiva, inserita nell’ambito del progetto italiano contro la carenza di iodio in pediatria, con consigli alimentari adeguati a prevenire la carenza iodica nei più giovani. Paradossalmente, c’è carenza di iodio in molte regioni costiere italiane! È quanto emerge dai dati Osnami (Osservatorio nazionale per il monitoraggio della iodoprofilassi in Italia) ed è abbastanza “allarmante”, se si considera che il nostro Paese è tra i più ricchi e si affaccia sul mare per circa 7500 km!

Serve più informazione

Gli Specialisti della Siedp hanno organizzato un tour in 3.500 scuole tra primarie e secondarie di primo grado di 10 città italiane (Milano, Torino, Genova, Bologna, Pisa, Roma, Napoli, Potenza, Bari e Cagliari). Dall’analisi dei questionari a mille bambini per verificare l’effettiva conoscenza sullo iodio è emerso che:

1. Pochi conoscono quali sono gli alimenti che contengono iodio. Solo il 22% sa che è molto presente nel pesce. Tanti, invece, credono che sia presente anche nella carne e nelle verdure.

2. Pochi sanno dove lo iodio è presente in natura. Solo 1 su 3 sa che si trova nel mare.

In tavola solo una volta alla settimana

Di norma, il pesce è presente nei menù scolastici solo una volta alla settimana: troppo poco! Solo nel 5% dei casi è servito 2-3 volte. A casa, poi, la situazione è ancora peggiore: questo alimento è proposto ancora meno (solo il 14,7% lo mangia più volte alla settimana).

A un 1 bambino su 4 il pesce non piace

Il motivo è soprattutto legato alla presenza di spine e all’odore intenso di questo alimento. Partendo da questo risultato la Siedp intende proseguire nella sua campagna di informazione, con l’intenzione di volerla estendere a una “platea” più vasta come i pediatri e ginecologi per incidere maggiormente sulle abitudini alimentari dei baby italiani: più iodio uguale più salute!

 

 

lo sapevi che?

Oltre che di iodio, il pesce è una fonte importante di acidi grassi Omega 3, fondamentali per la salute.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti