I trucchi per fargli mangiare la verdura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/04/2014 Aggiornato il 11/04/2014

Il rifiuto della verdura, tipico di molti bambini, si può superare se presentata accanto ai cibi più graditi. Provare per credere…  

I trucchi per fargli mangiare la verdura

“Non mi piace la verdura”. Quante volte abbiamo sentito dire questa frase dai nostri bimbi! Accompagnando quest’affermazione da un allontanamento del piatto, senza neppure assaggiarlo, talvolta solo per un colore o una consistenza diversi dal solito. Ma non lasciatevi scoraggiare!  Ecco che arriva in nostro aiuto uno studio dell’Università dell’Arizona pubblicato dal Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics che afferma che i bambini mangiano più verdura se abbinata a cibi amati.

Cavolfiori e cavolini, i meno graditi

I ricercatori hanno fornito ai bambini un questionario sul consumo di undici verdure diverse. Cavolfiori e cavolini di Bruxelles sono risultate le meno gradite e per questo sono state scelte per lo studio. Quindi, sono state fatte mangiare queste verdure bollite una volta al giorno, ad alcuni bambini senza condimento, mentre ad altri sono state servite con una crema al formaggio. Dopo una settimana, le stesse verdure sono state riproposte ai bambini senza essere accompagnate da altri alimenti e quelli che le avevano ricevute con la crema ne hanno mangiate comunque di più rispetto agli altri.

Condizionamento associativo

Questa tecnica, spiegano gli studiosi, è conosciuta in psicologia come “condizionamento associativo” e può servire ad avvicinare bambini e adulti a tutti i tipi di verdura.  Secondo la dottoressa Devina Wadheram, uno degli autori dello studio, “i bambini sviluppano le preferenze per il cibo da piccoli, in un periodo in cui sono già molto esigenti. È, quindi, importante abituarli da subito ad assumere abitudini alimentari salutari che possono mantenere anche da adulti”. 

In breve

ABITUALO GIA’ NEL PANCIONE

Anche durante i nove mesi nel pancione, il bebè impara a conoscere i sapori, quindi sarà molto importante seguire in gravidanza una dieta il più possibile varia e salutare. Lo stesso avviene durante l’allattamento: il sapore degli alimenti passa nel latte e i bambini entrano così in contatto con il gusto dei cibi.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti