Il bambino rifiuta frutta e verdura? Portalo a Spettacoli alla frutta

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 26/05/2022 Aggiornato il 26/05/2022

Spettacoli alla frutta è uno show itinerante che girerà la piazze d’Italia per mostrare il lato divertente di frutta e verdura. Primo appuntamento oggi a Milano

bambina con un cesto di frutta a verdura

La frutta e la verdura sono fondamentali, anche e soprattutto nell’infanzia. Purtroppo, però, spesso i bambini non le amano e si rifiutano di mangiarle. Per invogliarli ad avvicinarsi ai vegetali è utile proporglieli sotto una luce diversa, cucinando ricette sfiziose, coinvolgendoli in cucina e, perché no, assistendo a performance, spettacoli ed esibizioni che mostrano il loro lato divertente. Come “Spettacoli alla frutta”, un road show che girerà le piazze di tutta Italia proprio per promuovere la cultura del mangiar sano e raccontare come frutta e verdura siano anche allegre. Un evento da vivere con tutta la famiglia!

Perché i bambini devono mangiare frutta e verdura?

Frutta e verdura sono alla base della sana alimentazione perché apportano tutta una serie di sostanze fondamentali per la salute, come vitamine, sali minerali e fibre. Ecco perché gli esperti consigliano di mangiarne almeno cinque porzioni al giorno. Ma i vegetali non sono solo buoni. Sono anche divertenti.
Per mostrare ai bambini come frutta e verdura sappiano essere anche spassose e giocose potete portarli in una delle piazze che nelle prossime due settimane ospiteranno “Spettacoli alla frutta”, un road show itinerante che fino all’8 giugno animerà ben 14 città italiane con flashmob a base di musica e danze per l’intera giornata con l’obiettivo di valorizzare questi cibi così benefici, promuovere la cultura del mangiar sano e della sostenibilità.

Come convincere un bambino a mangiare frutta e verdura?

Per convincere un bambino a mangiare frutta e verdura le iniziative come “Spettacoli alla frutta” sono l’ideale perché incuriosiscono, stuzzicano l’attenzione e divertono. Protagonisti dei flashmob saranno performer provenienti da tutta Italia che canteranno e balleranno su celebri brani (la playlist sarà scelta direttamente dal pubblico), interpretando, in modo allegro e spensierato, le storie e i valori dell’ortofrutta e della sostenibilità ambientale all’insegna del mangiar bene, del vivere sano e della riduzione degli sprechi. L’iniziativa è promossa da 17 aziende, in rappresentanza delle eccellenze ortofrutticole italiane.

La prima tappa sarà Milano oggi in piazza Duca d’Aosta di fronte alla Stazione Centrale dalle 9.30 in poi, e a seguire, nei giorni successivi, nelle principali piazze cittadine di Brescia, Padova, Mantova, Bologna, Rimini, Civitanova Marche, Bari, Matera, Catania, Siracusa, Salerno, Caserta. Il tour si concluderà l’8 giugno a Roma. 

Per info su calendario e programma: www.spettacoliallafrutta.it

 

 
 
 

In sintesi

Come insegnare ai bambini a mangiare le verdure?

Invitandoli ad assaggiarle innanzitutto e dando per primi il buon esempio. Meglio, invece, non nasconderle nei cibi.

Che verdure far mangiare ai bambini?

Qualsiasi verdura va bene, cruda o cotta. Ottimi anche i pinzimoni e le centrifughe.

Come invogliare il bambino che rifiuta frutta a verdura?

Il modo migliore per avvicinare i bambini a frutta e verdure è usare fantasia e immaginazione. Sì, per esempio, a creare composizioni allegre e simpatiche.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti