In Europa sovrappeso 1 bimbo su 3. In Italia fenomeno in aumento

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 12/02/2019 Aggiornato il 12/02/2019

Il rapporto Unicef parla di malnutrizione nei Paesi ad alto reddito, puntando il dito contro sovrappeso e obesità

In Europa sovrappeso 1 bimbo su 3. In Italia fenomeno in aumento

Sotto accusa non solo alimentazione sbilanciata ed eccesso di consumo di zuccheri e grassi, ma anche la mancanza di attività fisica. Se in Europa è sovrappeso un bambino su tre, in Italia il fenomeno è in crescita, con la percentuale di bambini e adolescenti obesi aumentata di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975.

Il rapporto Unicef

È quanto scritto nel rapporto dell’Unicef “Diamogli peso. L’impegno dell’Unicef per combattere la malnutrizione”, dove si parla di una quota di bambini sedentari nel nostro Paese molto alta nella fascia di età 3-5 anni (48,8%) che diminuisce nelle fasce di età successive, ma che tra i 18-19 anni (20,8%) inizia a risalire e a mantenersi alta, aprendo in molti casi la strada a sovrappeso e obesità. “Attraverso questo rapporto – spiega Francesco Samengo, presidente dell’Unicef Italia – vogliamo mettere in luce il problema dell’obesità infantile, che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia”.

Un problema (anche) dei Paesi ricchi

Quando si parla di malnutrizione, spiega Samengo, il nostro immaginario ci porta a pensare a situazioni legate ai Paesi più poveri: malnutrizione, però, non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano. Attraverso la pubblicazione di questo rapporto, spiega il presidente di Unicef Italia, “vogliamo sottolineare anche altri due aspetti legati alla cattiva alimentazione, in particolare nel nostro Paese. Il primo è quello della sicurezza alimentare: in Italia i bambini che vivono nei nuclei familiari più poveri non hanno accesso a fonti di cibo sicure e sufficienti. Il secondo è quello dei disordini alimentari”.

I disturbi alimentari

Il rapporto dell’Unicef evidenzia che a livello internazionale, tra i 9 e i 14 anni, il 7% dei ragazzi e il 13% delle ragazze presenta questi disturbi che si manifestano in particolare nei Paesi industrializzati e ad alto reddito. Che vanno a concatenarsi con altre problematiche, molto delicate soprattutto data la fascia d’età: “I disordini alimentari – conclude Samengo – portano alla luce una forma crescente di disagio tra gli adolescenti e prestano il fianco a una serie di altre problematiche, tra cui quella del bullismo legato all’immagine fisica”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

A livello globale nel 2000 i bambini sotto i 5 anni in sovrappeso erano poco più di 30 milioni; nel 2017 sono più di 38 milioni. Attualmente è in sovrappeso  il 5,6% della popolazione infantile mondiale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti