In Italia il 25% dei bimbi è in sovrappeso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/03/2015 Aggiornato il 18/03/2015

La regione più colpita è la Campania dove un bambino di 8 anni su due è obeso

In Italia il 25% dei bimbi è in sovrappeso

Il 25% dei bambini italiani è in sovrappeso e 1 su 10 è obeso: sono questi i dati allarmanti emersi nell’indagine “L’obesità infantile: un problema rilevante e di sanità pubblica”, a cura dell’Osservatorio del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università Milano Bicocca, che raccoglie le principali ricerche nazionali e internazionali in materia di alimentazione. I risultati sono  stati presentati durante il lancio della campagna “Mangia bene, cresci ben” promossa dal Moige, con il patrocinio della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) e Amiot, l’associazione medica italiana di omotossicologia.

L’Italia è tra i Paesi europei più a rischio

Le indicazioni emerse dalla prima rilevazione del WHO COSI Program evidenziano che i bambini italiani più soggetti a disturbi alimentari hanno tra gli 8 e 9 anni. La Regione più colpita dal problema sembra essere la Campania, dove, tra i bambini di terza elementare, uno su 2 è obeso. Le percentuali poi variano tra l’8,2% del Nord al 9,3% del Centro, fino al 15,2% del Sud. Stando ai dati, l’Italia si conferma uno dei Paesi europei più colpiti dal fenomeno dell’obesità infantile: nel nostro Paese, infatti, la prevalenza di sovrappeso in età pediatrica supera di circa 3 punti percentuali a media Europea, con un tasso di crescita/annua dello 0,5-1 per cento, pari a quello degli Stati Uniti.

Manca una sana alimentazione

La colpa del sovrappeso infantile? Anche dei genitori, visto che il 50% non conosce i corretti stili di vita a tavola. Un giovanissimo su tre mangia quotidianamente snack e il 25% consuma bibite zuccherate o gassate. Secondo Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige, occorre fornire un’alternativa ai ragazzi per contrastare la sedentarietà, lo sport per esempio, ma anche gli strumenti per conoscere e condividere le scelte sane.

Un progetto per le scuole

Fino al mese di maggio il progetto “Mangia bene, cresci bene” attraverserà il Paese per informare bambini e genitori sui corretti stili di vita. Al progetto prenderanno parte 379 scuole, tra medie e elementari, per un totale di 40 mila studenti e 75mila genitori coinvolti. In ogni istituto, i docenti e i medici Amiot terranno incontri formativi sulla sana alimentazione e distribuiranno kit didattici a ragazzini e genitori. Per gli studenti anche un concorso a premi: le illustrazioni più significative saranno affisse nelle farmacie e gli studi medici aderenti e daranno vita a un calendario info-educativo dell’iniziativa, distribuito nelle scuole che hanno partecipato.

 

In breve

I PAESI MEDITERRANEI PIU’ A RISCHIO

In ambito europeo obesità e sovrappeso prevalgono tra i minori dei Paesi mediterranei (con percentuali che oscillano tra il 20 e il 36%), piuttosto che in quelli del nord Europa (tra il 10 e il 20%). I fattori che determinano l’obesità, oltre a quelli di natura genetica, sono principalmente legati al contesto socio-economico, familiare e agli stili di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti