Intossicazione: attenzione a quella da energy drink

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/04/2015 Aggiornato il 10/04/2015

Fra i bambini l’intossicazione da energy drink rappresenta una problematica sempre più frequente. Ecco cosa c’è da sapere

Intossicazione: attenzione a quella da energy drink

I genitori sono abbastanza informati su quella da farmaci, su quella da sostanze chimiche, perfino su quella da piante pericolose. Conoscono poco o affatto, invece, l’intossicazione da energy drink. Eppure si tratta di un problema sempre più frequente. La conferma arriva da uno studio presentato in occasione dell’ultimo convegno dell’American Heart Association.

I dati americani

Secondo la ricerca americana, negli ultimi quattro anni quella dell’intossicazione da energy drink è diventata una vera e propria emergenza dell’età infantile. Infatti, dal 2010 al 2013 il numero di bambini, in particolare di quelli con età inferiore ai sei anni, colpito dal problema è aumentato in maniera vertiginosa. Per dare un’idea più precisa della diffusione del fenomeno, gli esperti hanno spiegato che nei tre anni presi in considerazione dallo studio, si sono registrate più di 5.000 telefonate ai centri antiveleno: in quattro casi su dieci il motivo della chiamata è stato un incidente accorso a un bimbo a causa dell’ingestione di queste bevande. Complessivamente, dunque, sono stati circa 2.000 i piccoli alle prese con gli effetti collaterali di tali bevande. A questi si devono aggiungere quelli che sono stati portati direttamente al Pronto soccorso e quelli curati dal proprio medico. In realtà, perciò, la situazione sarebbe ben più grave di quanto sembra in apparenza.  

Non sono nocivi a priori

Ma gli energy drink sono davvero così pericolosi? In realtà, non lo sono a priori e non in tutti i casi. Si tratta di beveroni in grado di aumentare moltissimo la vitalità e la resistenza. Per questo possono tornare utili, purché consumati con moderazione e buon senso, in periodi molto intensi o negli sportivi. Tuttavia, nascondono effetti collaterali. Gli studiosi, infatti, hanno spiegato che possono contenere sostanze insidiose, come la taurina e la caffeina che, se assunte in dosi eccessive, possono provocare disturbi come tachicardia, agitazione, ansia, problemi digestivi, addirittura convulsioni.

Nei bambini, pericolose anche basse dosi

Ovviamente, l’organismo dei bambini rischia questi effetti con dosi molto più basse. Ecco perché i bimbi sono così soggetti al rischio intossicazione: specialmente se molto piccoli, possono correre dei pericoli anche bevendo pochi sorsi della bevanda. È per questa ragione che gli esperti invitano i genitori a non permettere ai loro figli di consumare tali prodotti, indipendentemente dall’età.

 

 

 

In breve

IMPORTANTE INTERVENIRE SUBITO

Se dopo l’ingestione di alimenti o bevande, il piccolo manifesta sintomi strani, è bene chiamare subito un centro antiveleno perché si potrebbe essere in presenza di un’intossicazione. La stessa precauzione va adottata anche nel caso cui il bimbo ingerisca prodotti o sostanze non commestibili, sia che compaiano o meno disturbi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti