La caffeina fa male agli adolescenti: cervello a rischio!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/11/2013 Aggiornato il 19/11/2013

Negli ultimi anni è aumentato il consumo di caffeina tra i ragazzi, soprattutto a causa delle bibite energetiche, ma questo potrebbe avere effetti negativi sullo sviluppo del cervello

La caffeina fa male agli adolescenti: cervello a rischio!

 

Troppa caffeina fa male, soprattutto tra i più giovani. Sembra che questa sostanza non solo riduca il sonno profondo ma sia in grado di ritardare lo sviluppo del cervello. È questo il risultato di una ricerca effettuata a Zurigo solo su giovani topi: servono altri studi, ma il fenomeno è preoccupante, visto che il consumo di caffeina è aumentato negli ultimi 30 anni del 70%. Tra le cause anche la diffusione degli energy drink, le bevande energizzanti.

3-4 tazze di caffé al giorno ritardano lo sviluppo del cervello

Lo studio è stato condotto in Svizzera su dei giovani ratti. I ricercatori, sotto la guida del professor Reto Huber dell’Ospedale pediatrico di Zurigo, hanno osservato che presso i roditori durante la pubertà, un consumo eccessivo di caffeina, che corrisponderebbe per un umano a 3-4 tazze di caffé al giorno, conduce ad una riduzione del sonno profondo e a un ritardo dello sviluppo cerebrale.

La ricerca condotta su giovani roditori

Il team di ricercatori guidato da Reto Huber dell’ospedale pediatrico di Zurigo ha somministrato durante cinque giorni a dei giovani ratti una quantità di caffeina che, fatte le debite proporzioni, corrisponde a 3 o 4 tazzine di caffè al giorno per un essere umano. Rispetto ai ratti che hanno bevuto acqua, le cavie che hanno assunto caffeina hanno mantenuto un numero molto maggiore di connessioni fra le cellule cerebrali e restavano timide invece di essere curiose.

Cosa succede al cervello?

I ricercatori spiegano che presso gli uomini e i ratti, la durata e l’intensità del sonno profondo aumentano durante l’infanzia, così come il numero di sinapsi o connessioni nel cervello, per poi diminuire all’età adulta. Il cervello comincia la maturazione durante la pubertà. Questa ottimizzazione si verifica probabilmente durante il sonno profondo. Delle sinapsi più importanti vengono consolidate, altre riassorbite affinché la rete diventi più efficace e le prestazioni del cervello migliorino.

L’adolescenza, una fase molto delicata

Per i ricercatori, l’adolescenza è un periodo critico per lo sviluppo del cervello e anche se ci sono differenze tra il cervello dei ratti e quello degli esseri umani, è bene chiedersi se il consumo di caffeina per ragazzi e adolescenti sia veramente inoffensivo. Servono ulteriori ricerche ma nel dubbio, meglio limitare il consumo.

In breve

DOVE SI TROVA LA CAFFEINA

La caffeina è una sostanza appartenente alla famiglia degli alcaloidi, un gruppo di composti assai diffusi nelle piante. Si trova nel caffè, nelle bevande a base di cola e in notevole quantità negli energy drink, le bibite energizzanti. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti