Latte e formaggi nei bambini: rischio obesità?

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 09/08/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Latte e formaggi sono alimenti fondamentali per la crescita dei bambini e, in base alle ultime ricerche, non favoriscono il sovrappeso. Non c’è dunque motivo per non darli ai piccoli

Latte e formaggi nei bambini: rischio obesità?

I bambini italiani continuano a esercitare il triste primato europeo del sovrappeso e dell’obesità. Nel nostro Paese il sovrappeso nei bambini riguarda, infatti, un bambino su due e il 21% è obeso. Tra le femminucce, oltre una su tre è in sovrappeso e il 14% obesa. La buona notizia è che, nonostante i tassi elevati, i bambini obesi e in sovrappeso nel nostro Paese sono diminuiti del 13% in meno di 10 anni, secondo quanto rilevato dal Sistema di sorveglianza Okkio alla salute, promosso dal Ministero della salute/Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie coordinato dall’Istituto superiore di sanità.  Ma latte e formaggi nei bambini non sembrano avere colpe.

Poco sport e alimentazione scorretta

Tuttavia, l’allarme resta alto. I bambini italiani si muovono poco e mangiano male. I primi alimenti che devono essere ridotti sono quelli trasformati, ricchi di zuccheri semplici e grassi. Anche latte e formaggi nei bambini sembravano finiti sotto accusa, ma una revisione degli studi condotti tra il 1990 e il 2017 ha rivelato che non ci sono prove per affermare che il consumo di prodotti caseari promuova lo sviluppo dell’obesità o aumenti l’appetito. Latte e formaggi nei bambini, ma anche yogurt, sono alimenti ricchi di nutrienti essenziali nella fase di crescita. Come ricorda Assolatte, sono alimenti riconosciuti a livello mondiale come fonte di molti nutrienti essenziali che contribuiscono al corretto funzionamento del corpo e che sono rilevanti per mantenersi in buona salute in tutte le età.

Il ruolo di mamma e papà

Sempre secondo Assolatte, latte e formaggi nei bambini aiutano ad adottare abitudini alimentari più sane, che poi si manterranno anche da adulti. Gli studi mostrano che i genitori influenzano l’atteggiamento dei loro bambini verso i prodotti lattiero-caseari e il loro consumo quotidiano: i figli di genitori che bevono molto latte mostrano un più alto apporto di latte e derivati.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I consumi di latte e formaggi nei bambini sono collegati anche a una minore incidenza di carie() e a un miglior controllo della pressione sanguigna negli anni a venire.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti