Latte vaccino con cautela fino ai due anni

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 20/08/2018 Aggiornato il 23/08/2018

Questo alimento non è adatto ai bambini sotto l’anno di età e, secondo gli ultimi studi, è sconsigliato fino ai due-tre anni: troppe proteine e poco ferro, fondamentale per lo sviluppo cerebrale

Latte vaccino con cautela fino ai due anni

Mai prima dei 12 mesi e se possibile dopo i 24-36 mesi. Queste le date di introduzione del latte vaccino per i bambini, come suggerito dalle principali società scientifiche di pediatria e come riportato dalle Linee guida del ministero della Salute sull’alimentazione nella prima infanzia.

Inadeguato per il piccolo

Il latte di mucca è eccessivamente ricco di proteine e troppo povero di ferro e acidi grassi essenziali per garantire il giusto fabbisogno nutrizionale dei neonati e dei bambini piccoli: fino all’anno di età (ma anche fino ai due anni) in mancanza di latte materno è quindi necessario dare al piccolo il latte in formula, che è l’unico alimento in grado di soddisfare in modo completo il fabbisogno nutrizionale. A partire dai 12 mesi compiuti è possibile dare il latte vaccino intero, ma senza superare le dosi di 200-400 millilitri al giorno.

Troppe proteine

Il latte vaccino contiene più proteine di quante siano realmente necessarie per una corretta nutrizione dei bambini piccoli, soprattutto di quelli che ancora non hanno compiuto un anno: e le proteine, se assunte in eccesso, possono condizionare la regolazione dell’insulina e degli ormoni dell’appetito, con conseguente aumento di problemi metabolici e obesità in futuro.

Carente di Omega 3

Non solo troppe proteine. Il latte vaccino è inoltre carente di acidi grassi omega 3, nutrienti considerati indispensabili per un buon sviluppo del cervello. I nuovi Larn (Livelli di assunzione di riferimento ed energia per la popolazione) indicano che in tutte le età pediatriche deve essere assicurato l’apporto di acidi grassi Omega 3: come spiega Marcello Giovannini, past president della Società italiana di nutrizione pediatrica (Sinupe), “ciò può essere assicurato dal latte materno e, in sua mancanza, dai latti formulati, che vengono appositamente integrati, ma non dal latte vaccino”.

Poco ferro

Il latte vaccino è, infine, povero di ferro, minerale necessario per lo sviluppo neurocomportamentale. Per questo, conclude Giovannini, “nello svezzamento e fino a 3 anni è necessario assumere alimenti a elevato contenuto di ferro biodisponibile (soprattutto carne e pesce) e, in mancanza di latte materno, è necessario assumere quello in formula, che ne è integrato”.

 

 

lo sapevi che?

Lo studio europeo Chop (Childhood Obesity Project) ha confermato che il rischio di diventare obesi per i bambini alimentati dalla nascita con un alto contenuto proteico è 2,5 volte maggiore rispetto ai bambini che ricevono minor apporto proteico.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti