Mai saltare la colazione: parola dei nutrizionisti!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2015 Aggiornato il 09/03/2015

Per affrontare al meglio tutte le ore di giochi all’asilo e di studio tra i banchi di scuola, non deve mai mancare l’energia della colazione, il pasto più importante della giornata

Mai saltare la colazione: parola dei nutrizionisti!

Un numero sempre più crescente di evidenze scientifiche dimostra che la prima colazione riveste un ruolo importante nel garantire un buono stato di salute e di benessere per tutti, ma in particolar modo per i bambini. La prima colazione rappresenta un pasto strategico nella giornata perché interrompe il digiuno notturno e ha lo scopo di garantire quella disponibilità di energia essenziale per affrontare le fatiche del mattino. Se sana ed equilibrata rappresenta, la “benzina” del corpo e del cervello dei nostri figli.

Mai saltare la colazione

Abituare i nostri figli a fare colazione sempre, anche quando a volte capita che non hanno fame, perché è necessaria a garantire loro la giusta quantità di energia per affrontare la giornata. La colazione aiuta, inoltre, anche a migliorare il comportamento alimentare riducendo il senso di fame e modulando l’assunzione degli alimenti al pasto successivo. Viceversa, saltarla, a lungo andare, significherebbe solo attivare abitudini alimentari scorrette.

Deve essere equilibrata

Deve essere un pasto ricco, completo e nutriente, in grado di assicurare un buon apporto di zuccheri semplici e complessi, che il corpo brucerà gradualmente durante la mattina, proteine e vitamine. Secondo i nutrizionisti la colazione dovrebbe coprire dal 20 al 25% del fabbisogno energetico quotidiano. In questo modo si eviteranno cali di pressione e  di concentrazione.

Quali ingredienti?

Ma qual è la colazione ideale? Deve comprendere cereali come pane, fette biscottate e biscotti da accompagnare a zuccheri semplici, come marmellata o miele, e una fonte proteica come yogurt o latte.  E anche un frutto, sia mangiato tal quale sia sotto forma di spremuta, per assicurare il giusto apporto vitaminico. La colazione deve garantire l’energia, ma anche l’idratazione del corpo e del cervello. L’ideale sarebbe bere un bicchiere di acqua appena svegli a digiuno e poi una bevanda calda come una tazza di latte o una fredda come una spremuta di agrumi.

 

 

 

da ricordare!

Consumare regolarmente la prima colazione contribuisce al mantenimento di un corretto stato di salute e ha riflessi positivi sugli altri pasti giornalieri, contribuendo a prevenire sovrappeso e obesità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti