mary

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/04/2012 Aggiornato il 19/04/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: mary
Salve dottoressa…mio figlio di quasi 6 mesi si sveglia
la notte in continuazione…. Per il dolore dei dentini che dovrebbero
spuntare, e un po per abitudine ormai. Trova consolazione solo quando lo
metto al seno… di notte non dovrebbe mangiare… se smetto di dargli il mio
seno facendolo anche piangere è giusto? Prima o poi si abituerà a non svegliarsi? Faccio bene se lo faccio decisa in una notte sola o come devo comportarmi…….

Il bambino trova consolazione di notte con il seno se viene sempre allattato e se lei lo attacca ovviamente non si stacca da solo. Di notte se si sveglia, non deve mangiare, e quindi non va preso in braccio almeno da lei, perché riconoscendo il profumo del latte e del seno lui si quieterà solo attaccandosi. Per disabituarlo se si sveglia ha 2 possibilità: gli metta una mano sul pancino e gli parli tranquillizzandolo oppure faccia andare qualcun altro ma non lo tiri su lei! Non sono i denti, sono le voglie di sicurezza nel sonno disturbato…..

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti