Mensa scolastica: in calo la qualità (e la quantità)?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/04/2013 Aggiornato il 11/04/2013

  Con la crisi e la necessità di riduzione dei costi potrebbe diminuire la qualità della mensa scolastica dei nostri figli. E a volte, come sembra a Milano, anche la quantità…

Mensa scolastica: in calo la qualità (e la quantità)?

Il pericolo esiste. Un certo collegamento fra crisi economica e mensa scolastica dei bambini è possibile, se non probabile. La riduzione dei costi imposta ai Comuni può ripercuotersi anche sulla scelta dei menù e delle materie prime che vanno a comporre i piatti della mensa scolastica dei nostri figli. I comitati dei genitori sono già all’attacco e non mancano segnali non proprio incoraggianti.

Meno biologico

Un primo dato certo è la riduzione nei menù della mensa scolastica dei prodotti biologici. Se si osserva che cosa succede nelle scuole di Roma, che fino a poco tempo fa erano all’avanguardia per menù biologici, si trova che i prodotti bio sono diminuiti notevolmente. A oggi grana, riso e burro non sono più biologici e forse tra poco non lo saranno nemmeno olio, pomodoro e pasta. Alla base di questo cambiamento c’è probabilmente il fatto che i prodotti biologici costano un po’ di più.

Effetto da spending review

Non si hanno informazioni a livello nazionale. Si possono però fare delle previsioni, partendo da alcuni dati certi. Ilaria Perotto, presidente dell’Angem, l’associazione nazionale delle imprese della ristorazione collettiva, spiega che “Il rischio che a fare le spese della riduzione dei costi imposta dalla spending review siano i bambini è elevato, ma non è possibile avere un quadro generale perché i contratti vengono fatti dalle singole aziende. La spending review ha chiesto alle aziende appaltatrici dei servizi una riduzione dei costi a parità di prestazione che, inizialmente del 5%, è arrivata al 10%. Per arrivare a questo ‘taglio’, se parliamo di ristorazione, si può agire solo su due fattori: la composizione dei menù e l’organizzazione del lavoro”.

Tagli non significa meno qualità

C’è però chi dice che la necessità di risparmio non significa calo della qualità complessiva. “L’abbassamento dei costi”, precisa Valeria del Balzo, dell’unità di ricerca di Scienza dell’alimentazione dell’università Sapienza Roma “non vuol dire necessariamente abbassamento della qualità. Si possono, infatti, sostituire dei prodotti di costo minore, senza che questo pesi in maniera negativa sul livello nutrizionale”. E poi la conclusione che rassicurerà senz’altro i genitori: “i pasti offerti a scuola sono di buona qualità. I problemi di cattiva alimentazione sono più frequenti a casa”. Quindi, controlliamo bene che cosa i bambini mangiano a scuola, ma anche che cosa consumano tra le mura domestiche, per qualità e quantità.

In breve

A MILANO PIATTI TROPPO SCARSI?

Tutto è partito da un’insegnante, che ha fotografato quanto è stato dato ai suoi alunni di quinta elementare come primo piatto: solo 7 ravioli. Il Codacons, un’associazione di consumatori, ha promesso di portare la questione in tribunale, dove già aspetta di incontrare Milano Ristorazione, l’azienda responsabile delle mense scolastiche milanesi, per un’azione collettiva depositata già da tempo. Il problema risiede nel fatto che Milano Ristorazione applica le stesse porzioni di cibo ai bambini indipendentemente dall’età, dalla scuola dell’infanzia fino all’ultimo anno di primaria.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti