Merenda dei bambini: le regole dei pediatri del Bambino Gesù per uno spuntino sano

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 20/05/2020 Aggiornato il 20/05/2020

La merenda dei bambini è raccomandata da tutti i nutrizionisti, anche ai tempi del coronavirus che ha cambiato abitudini e ritmi di vita

Merenda dei bambini: le regole dei pediatri del Bambino Gesù per uno spuntino sano

L’Unione Italiana Food insieme all’Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell’Adolescente ha recentemente pubblicato una guida intitolata: “Facciamo merenda” per aiutare i genitori a scegliere la giusta merenda dei bambini, soprattutto in tempi di coronavirus, quando si è costretti a stare molto tempo in casa.

La merenda in 8 parole

“Quotidiana, adeguata, moderata, saziante, varia, dolce, salata e serena” sono questi i termini individuati per “raccontare” come deve essere una sana merenda dei bambini. L’ideale è fare due spuntini tra i tre pasti principali (a metà mattina e a metà pomeriggio), così da non arrivare a pranzo e a cena troppo affamati.

Altro consiglio molto importante è di variarla spesso, sia dolce sia salata, così da assumere il maggior numero di nutrienti possibile: frutta, yogurt, panini al formaggio, salumi e verdure o conditi con olio() e pomodoro, biscotti, dolci fatti in casa (crostata, ciambellone) e merendine.

Il planning settimanale

Per garantire un corretto apporto nutrizionale è stato redatto un planning settimanale di merende che tiene conto dei fabbisogni energetici dei bambini e dei ragazzi dai 4 ai 17 anni suddiviso in quattro fasce d’età:

·  4-6 anni (150 kcal);

·   7-11 anni (200 kcal);

·   12-14 anni (260 kcal);

·   15-17 anni (285 kcal).             

Sì anche alle merendine, ma con moderazione

Tra i 56 diversi abbinamenti proposti, il vademecum “abilita” anche le merendine industriali, consigliandone, tuttavia, una frequenza moderata (1-2 volte alla settimana), poiché oggi le industrie alimentari, rispetto al passato, garantiscono una ripartizione dei nutrienti simile a quella consigliata dalle più accreditate Linee guida alimentari per l’infanzia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il manifesto della merenda sostiene il concetto di “dieta molto varia”, da sempre propagandato dai pediatri e nutrizionisti, che sostengono quanto sia proprio la “diversità” a ridurre il rischio di malattie.

 

Fonti / Bibliografia

  • Facciamo merenda? - Merendine ItalianeUn manifesto in 8 parole che definisce le buone pratiche di questo momento di consumo tipicamente italiano. Un planning settimanale, elaborato dall’Istituto Bambino Gesù per la salute del Bambino e dell’Adolescente, per bambini e ragazzi dai 4 ai 17 anni, con 56 proposte dolci e salate, per farla sempre diversa.   Il manifesto della Merenda Quotidiana, adeguata, moderata, saziante, varia. E ancora: dolce, salata... Per saperne di più clicca qui
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mi aiutate a togliergli il pannolino?

07/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Pazienza, perseveranza, leggerezza, disponibilità servono tutte quando arriva il momento di aiutarlo a dire addio al pannolino (anche per la cacca).   »

Utero multioperato: si può affrontare un’altra gravidanza (e un altro cesareo)?

07/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Se l' utero ha subito più incisioni, è possibile che in gravidanza si delineino più rischi di quanto ve ne siano se l'utero è integro.   »

Timore per la vaccinazione antimeningite: è fondato?

05/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

La possibilità di poter vaccinare i propri bambini contro le malattie che potrebbero causare la loro morte è un enorme privilegio, purtroppo non sempre compreso in quanto in Italia vi è una cultura sanitaria insufficiente, nonostante il nostro SSN sia tra i migliori del mondo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti