Neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/10/2012 Aggiornato il 17/10/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: terry790
Il mio bimbo di 13 giorni mangia ancora la quantità di latte che prendeva quando è nato. Non so cosa fare, sono preoccupata… È normale?

Salve neomamma e congratulazioni. Dipende se il latte è materno o artificiale. Se è materno, i bambini si autoregolano. Controlli la crescita settimanale: deve aver ripreso il peso della nascita (entro il quindicesimo giorno) dopo il calo fisiologico. Non servono le doppie pesate a meno che lei non senta poco latte o il bimbo non cresca. Con la doppia pesata capisce la quantità di latte che prende il piccolo. Se invece lo alimenta solo con il latte artificiale, la dose di latte aumenta, superata la prima settimana di vita, con l'aumento del peso. Ci sono formule matematiche che danno la dose di latte e il numero delle poppate a seconda del peso e dell'età. Se invece, pur alimentato con latte artificiale, non lo assume in quantità sufficiente per l'età come indicato dal pediatra vanno escluse infezioni delle vie urinarie, reflusso gastroesofageo, intolleranza/allergia alle proteine del latte ecc. Ma l'importante è la crescita! La controlli con attenzione.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti