Obesità infantile: 6 regole per contrastarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/06/2017 Aggiornato il 24/08/2017

Obesità infantile e sovrappeso sono in calo, ma restano margini di miglioramento. Ecco le regole che i genitori devono mettere in pratica per arginare il problema

Obesità infantile: 6 regole per contrastarla

Sono diminuiti del 13% in 10 anni i bambini italiani obesi e in sovrappeso secondo i dati del Sistema di sorveglianza Okkio alla Salute, promosso dal ministero della salute. I numeri, seppure confermino la diminuzione del fenomeno, non fanno però avanzare l’Italia nella classifica dei peggiori Paesi europei per obesità infantile, come dimostrano i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. Restano, infatti, forti differenze geografiche tra Nord e Sud, a discapito di quest’ultimo.

Cattive abitudini da combattere

Sono ancora tante le abitudini errate diffuse: l’8% dei bambini salta la prima colazione e il 33% non la fa in modo adeguato. A metà mattina, il 53% fa una merenda troppo abbondante. A tavola il 20% dei genitori dichiara che i figli non consumano frutta e verdura, mentre il 36% consuma tutti i giorni bevande zuccherate o gassate. Il 23,5% dei bambini svolge giochi di movimento non più di un giorno alla settimana, il 33,8% fa attività fisica strutturata non più di un giorno alla settimana. Solo un bambino su 4 va a scuola a piedi() o in bicicletta.  E quel che è peggio, circa il 40% delle madri di bambini in sovrappeso o obesi ritiene che il peso del figlio sia nella norma.

Medici in prima linea

Contro l’ obesità infantile sono state redatte 6 regole fondamentali dagli specialisti del Centro medico Santagostino di Milano.

  1. Mangiare a orari regolari, 5 volte al giorno, non fuori pasto anche se si è mangiato poco al pasto precedente (semmai anticipare il pasto successivo).
  2. Offrire cibi sani, naturali, freschi e non fare sostituzioni di bassa qualità.
  3. Non insistere perché finisca quello che ha nel piatto.
  4. Mangiare in compagnia del bambino, parlando con lui e non permettergli di guardare giochi, tv o tablet.
  5. Variare l’alimentazione.
  6. Non usare il cibo come strumento di ricatto, punizione o gratificazione.

 

 

Da sapere!

L’obesità infantile, è favorita anche dall’uso scorretto delle tecnologie: il 44 % dei bimbi ha la tv in camera, il 41% guarda troppo la tv e usa videogiochi, tablet, cellulari per più di 2 ore al giorno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti