Obesità infantile: 6 regole per contrastarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/06/2017 Aggiornato il 24/08/2017

Obesità infantile e sovrappeso sono in calo, ma restano margini di miglioramento. Ecco le regole che i genitori devono mettere in pratica per arginare il problema

Obesità infantile: 6 regole per contrastarla

Sono diminuiti del 13% in 10 anni i bambini italiani obesi e in sovrappeso secondo i dati del Sistema di sorveglianza Okkio alla Salute, promosso dal ministero della salute. I numeri, seppure confermino la diminuzione del fenomeno, non fanno però avanzare l’Italia nella classifica dei peggiori Paesi europei per obesità infantile, come dimostrano i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. Restano, infatti, forti differenze geografiche tra Nord e Sud, a discapito di quest’ultimo.

Cattive abitudini da combattere

Sono ancora tante le abitudini errate diffuse: l’8% dei bambini salta la prima colazione e il 33% non la fa in modo adeguato. A metà mattina, il 53% fa una merenda troppo abbondante. A tavola il 20% dei genitori dichiara che i figli non consumano frutta e verdura, mentre il 36% consuma tutti i giorni bevande zuccherate o gassate. Il 23,5% dei bambini svolge giochi di movimento non più di un giorno alla settimana, il 33,8% fa attività fisica strutturata non più di un giorno alla settimana. Solo un bambino su 4 va a scuola a piedi() o in bicicletta.  E quel che è peggio, circa il 40% delle madri di bambini in sovrappeso o obesi ritiene che il peso del figlio sia nella norma.

Medici in prima linea

Contro l’ obesità infantile sono state redatte 6 regole fondamentali dagli specialisti del Centro medico Santagostino di Milano.

  1. Mangiare a orari regolari, 5 volte al giorno, non fuori pasto anche se si è mangiato poco al pasto precedente (semmai anticipare il pasto successivo).
  2. Offrire cibi sani, naturali, freschi e non fare sostituzioni di bassa qualità.
  3. Non insistere perché finisca quello che ha nel piatto.
  4. Mangiare in compagnia del bambino, parlando con lui e non permettergli di guardare giochi, tv o tablet.
  5. Variare l’alimentazione.
  6. Non usare il cibo come strumento di ricatto, punizione o gratificazione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’obesità infantile, è favorita anche dall’uso scorretto delle tecnologie: il 44 % dei bimbi ha la tv in camera, il 41% guarda troppo la tv e usa videogiochi, tablet, cellulari per più di 2 ore al giorno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti