Obesità infantile e fegato grasso: responsabili alcuni batteri?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/06/2016 Aggiornato il 08/06/2016

Alla base di obesità e fegato grasso nei bambini potrebbe esserci una flora intestinale alterata. È una scoperta importante, perché apre la strada a nuove cure, come per esempio probiotici personalizzati

Obesità infantile e fegato grasso: responsabili alcuni batteri?

Identificati, per la prima volta, i batteri coinvolti nello sviluppo dell’obesità e del fegato grasso nei bambini. Gli autori di questa importante scoperta sono italiani: la ricerca è stata fatta dagli studiosi dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Flora intestinale alterata

Gli esperti lo chiamano microbiota. Si tratta, in parole semplici, di numerosi microorganismi (alcuni miliardi, in prevalenza batteri) che si trovano nel tubo digerente. Studiando questi microrganismi, medici e ricercatori dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma sono giunti alla conclusione che alcune specie di quella che un tempo era nota come flora intestinale sono associate all’insorgenza di  fegato grasso e obesità nei bambini. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista specializzata Hepatology.

Alcuni batteri più numerosi, altri meno

I ricercatori hanno, in pratica, scoperto che nell’intestino dei bambini obesi e con fegato grasso alcune famiglie di batteri sono troppo numerose (Ruminococcus Dorea) rispetto a quelle presenti in un bambino che obeso non è, mentre altri tipi di batteri (Oscillospira) sono troppo pochi.

Probiotici individualizzati

Ma perché questa scoperta è così importante? Perché, a lungo termine, potrebbero essere realizzati (ovviamente previ ulteriori approfondimenti e studi scientifici sul tema) integratori specifici “personalizzati” a base di microrganismi, i cosiddetti probiotici, che potranno essere di supporto nel trattamento di queste malattie.

Individuare presto le alterazioni gastrointestinali

“Gli studi sul microbioma intestinale sono fondamentali in pediatria per evidenziare la correlazione tra profili microbici e metabolici e principali patologie correlate ad alterazioni gastrointestinali – spiega Lorenza Putignani, responsabile di parassitologia del Bambino Gesù – Si apre così una nuova medicina dei sistemi, in grado di evidenziare il ruolo delle comunità microbiche nell’insorgenza e progressione delle patologie, aspetto fondamentale soprattutto nel periodo di crescita del bambino, quando si gettano le basi per “preparare” lo stato di salute durante tutte le fasi successive di vita dall’infanzia, alla vita adulta, alla senescenza”.

Intestino sano per fegato sano

Dallo studio “emergono due evidenze molto importanti, soprattutto per i pediatri. – dichiara Valerio Nobili, responsabile di malattie epato-metaboliche dell’Ospedale – In primis che per avere un fegato sano bisogna avere un intestino sano, popolato cioè da batteri “amici”. La seconda evidenza è la necessità di una più scientifica e aggiornata prescrizione dei probiotici per i bambini”.

No probiotici a caso

Da questo lavoro infatti, sottolinea, “si conferma l’importanza strategica del ruolo dei probiotici nell’obesità e nel fegato grasso, ma anche e soprattutto la necessità di nuove associazioni e formulazioni di batteri per combattere tali patologie”.  Allo stesso modo i ricercatori sono attenti a sottolineare “l’inutilità dell’uso indiscriminato delle formulazioni esistenti”.

 

 

 
 
 

LO SAPEVI CHE…

 

I probiotici, secondo una nota del Bambino Gesù, sono al primo posto tra gli integratori prescritti in Italia. Tra i medici che li prescrivono, i pediatri rappresentano  il 73% del totale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti