Obesità infantile, Italia tra i peggiori in Europa

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/09/2019 Aggiornato il 18/09/2019

In Europa i tassi di obesità e sovrappeso oscillano tra il 14 e il 37%. Il nostro Paese è purtroppo tra i peggiori. Vediamo perché

Obesità infantile, Italia tra i peggiori in Europa

Grecia e Italia detengono il primato in Europa del maggior numero di bambini con chili in eccesso: la notizia arriva da uno studio pubblicato su Jama Pediatrics condotto su 28 Paesi europei, da cui emerge che in quanto a tassi di sovrappeso e obesità le nazioni dell’area mediterranea registrano risultati peggiori rispetto a quelli della penisola iberica e delle regioni dell’Europa centrale e atlantica.

Chili di troppo per 1 bambino su 3

Per esaminare l’andamento del sovrappeso e dell’obesità tra i bambini europei gli studiosi hanno analizzato i dati raccolti in 103 ricerche realizzate tra il 1999 e il 2016 in 28 Paesi, per un totale di circa 500 mila bambini coinvolti di età compresa tra i 2 e i 13 anni. Dall’indagine è emerso che nel Vecchio Continente i tassi di obesità e sovrappeso infantile oscillano tra il 14 e il 37%, e che i Paesi dell’area mediterranea evidenziano i dati peggiori: tanto in Italia quanto in Grecia, attualmente, ha problemi di sovrappeso o obesità più di un bambino su 3, con percentuali che oscillano tra il 35 e il 37%. Tra i Paesi più virtuosi ci sono invece l’Estonia e la Svezia, con percentuali comprese tra il 14 e il 15%.

Ventotto Paesi esaminati

I 28 Paesi oggetto di studio sono stati suddivisi in 4 regioni europee: Atlantica (che comprende Francia, Irlanda, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi, Finlandia, Norvegia e Svezia), Iberica (Portogallo e Spagna), Centrale (Germania, Repubblica Ceca, Svizzera, Polonia, Romania, Lituania, Estonia, Ungheria e Lettonia) e Mediterranea (Cipro, Grecia, Italia, Malta, Slovenia, Repubblica della Macedonia del Nord, Serbia, Bulgaria e Turchia).

Aumento preoccupante in Italia, Grecia e Cipro

Dai dati è emerso che, mentre negli stati dell’Europa atlantica e centrale non sono stati osservati cambiamenti sostanziali relativamente al numero di bambini sovrappeso e obesi e nella penisola Iberica si è addirittura registrata una diminuzione, nei Paesi dell’Europa mediterranea il problema non accenna a diminuire e si parla invece di prevalenza “crescente”. In particolare in Grecia e Italia e in altri Paesi del Mediterraneo (Cipro, ad esempio) l’aumento del numero di bambini con chili in eccesso è stato definito, dagli autori dello studio, “preoccupante”.

Crisi economica ma non solo

Tra le cause all’origine dell’abbandono della dieta mediterranea da parte proprio dei Paesi che a questo tipo di alimentazione hanno dato origine c’è da una parte la recessione economica, che ha costretto molti nuclei familiari a riorganizzare le proprie abitudini alimentari a discapito della qualità, e dall’altra la cosiddetta “occidentalizzazione” dei consumi, con il ricorso sempre più frequente a cibi pronti da cuocere, alimenti processati e bevande industriali con zuccheri aggiunti.

 

 

 
 
 

Forse non sapevi che…

L’elevata prevalenza di sovrappeso e obesità nei bambini che vivono nei Paesi europei dell’area mediterranea dipende inoltre anche dagli scarsi livelli di attività fisica, inferiori a quelli dei bimbi che vivono nell’Europa atlantica e centrale. 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti