Obesità infantile: la situazione è in lieve miglioramento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/03/2015 Aggiornato il 10/03/2015

Rispetto a qualche anno fa le percentuali sono in leggero calo. L’obesità infantile rimane comunque un’emergenza

Obesità infantile: la situazione è in lieve miglioramento

Negli ultimi anni le campagne informative contro l’obesità infantile si sono moltiplicate. Del resto, la situazione è allarmante: fra i bambini di otto-nove anni, uno su cinque è in sovrappeso e uno su 10 è obeso. Ma la tendenza  sembra lentamente migliorare. Lo dimostra l’ultima indagine condotta dal sistema di sorveglianza nazionale OKkio alla Salute, un organismo finanziato e promosso dal ministero della Salute.

Analizzate quasi 50 mila famiglie

La ricerca ha coinvolto complessivamente 2.672 classi, 48.426 bambini e 50.638 genitori. Gli esperti hanno indagato abitudini alimentari e di vita di intere famiglie allo scopo di scattare una fotografia il più possibile precisa e dettagliata di come mangiano i bambini italiani, di quanto si muovono e di quanto pesano.

I dati aggiornati

Analizzando i dati raccolti, gli studiosi hanno avuto la conferma che mediamente i bambini italiani mangiano troppo e male, si muovono poco e troppo raramente. Il risultato? Il 20,9% di loro è sovrappeso, il 9,8% obeso e il 2,2% seriamente obeso. Tuttavia, la tendenza sembra in miglioramento: rispetto al 2008 si è registrato un leggero calo delle percentuali, quella dei piccoli sovrappeso è passata dal 23,2% al 20,9, quella degli obesi dal 12% al 9,8%.

Colpa delle cattive abitudini

I responsabili di questa situazione, dunque, sono i soliti noti: gli stili di vita scorretti. In particolare, alla base dell’obesità infantile c’è il binomio dieta squilibrata e sedentarietà. Le abitudini alimentari dei piccoli coinvolti nell’indagine lasciano a desiderare: l’8% salta la colazione (); il 31% consuma una colazione non adeguata; il 52% si concede uno spuntino a metà mattina un po’ troppo abbondante; il 25% non mangia quotidianamente frutta e verdura; il 41% beve abitualmente bevande zuccherate o gassate. Sul fronte della sedentarietà non va meglio, anzi, basti pensare che solo il 25% dei bimbi va a scuola a piedi o in bicicletta, che per il 18% lo sport occupa non più un’ora alla settimana del tempo libero e che la televisione e i giochi elettronici sono uno dei passatempi principali della giornata per il 35%.

Il ruolo dei genitori

Altrettanto rischioso e da non sottovalutare è l’atteggiamento poco consapevole e responsabile di molti genitori. Nel 38% dei casi mamma e papà non riconoscono il sovrappeso e l’obesità infantile, non si rendono conto del problema o non lo accettano. Il 29% delle mamme e dei padri coinvolti, addirittura, non ritiene scorretta l’alimentazione dei figli, di conseguenza non vede la necessità di intervenire per correggerla.

 

 

  

In breve

PIU’ DIFFUSA AL SUD

Sovrappeso e obesità infantile sono un’emergenza sanitaria ma anche sociale in tutta Italia. Tuttavia, i dati più preoccupanti si registrano nelle regioni del Centro e del Sud Italia, forse anche per una questione culturale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti