Obesità infantile: rallenta la capacità di pensiero?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/04/2014 Aggiornato il 29/04/2014

Un recente studio dimostra che l’obesità infantile si associa a una maggiore lentezza nel pensare e nel risolvere i problemi 

Obesità infantile: rallenta la capacità di pensiero?

L’elenco delle conseguenze negative dell’obesità infantile è già lunghissimo. Ma, a quanto pare, è destinato a estendersi sempre più. Agli effetti fisici, infatti, bisogna aggiungere anche quelli sulla mente, in particolare sulle capacità di pensare. Questo, perlomeno, è quanto suggerisce un recente studio condotto da un team di ricercatori americani, dell’University of Michigan State, pubblicato sulla rivista “Cerebral Cortex”.

Test cognitivi per i bambini

La ricerca ha riguardato 74 bambini e bambine di età compresa fra i sette e i nove anni. Tutti sono stati sottoposti a una serie di test cognitivi, per analizzare la capacità di pensiero e di risolvere i problemi, e a una risonanza magnetica cerebrale. Inoltre, gli autori hanno misurato il loro indice di massa corporea, per capire quanti di loro fossero in sovrappeso. Lo scopo era capire se la presenza di obesità infantile si associasse a un deficit di alcune funzioni cerebrali.

Bassi risultati con Imc alto

Dall’analisi dei risultati, è emerso che circa la metà dei bambini aveva un alto Indice di massa corporea (Imc). Ebbene, questi bimbi, rispetto agli altri, hanno ottenuto risultati peggiori nei test cognitivi. Nel dettaglio, si è osservato che nei soggetti che presentavano obesità infantile i tempi di reazione erano più lunghi del 7% in un primo test cognitivo e del 15% in un secondo test. Inoltre, il gruppo dei “grassi” rispondeva con maggiore frequenza in maniera sbagliata rispetto a quello dei magri.

Gli esami confermano

Infine, la risonanza magnetica ha rivelato che i processi cognitivi nella corteccia prefrontale e in quella cingolata anteriore erano meno sviluppati nei bimbi sovrappeso. Gli autori hanno, perciò, concluso che l’obesità infantile si associa a una maggiore lentezza nelle prove cognitive, in particolate nella capacità di pensare e risolvere problemi, e a processi di pensiero meno “affinati”.

In breve

LE REGOLE DI PREVENZIONE

Le possibili conseguenze sulle capacità cognitive rappresentano una ragione ulteriore per cercare di combattere l’obesità infantile. La migliore strategia è rappresentata da una dieta sana e da uno stile di vita attivo. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti