Obesità infantile: si previene con 5 pasti al giorno

Silvia Camarda Pubblicato il Aggiornato il 14/12/2018

I consigli dei nutrizionisti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù per una corretta alimentazione nei bambini contro l’obesità infantile

Sono poche ma vanno seguite con coerenza le regole per contrastare l’ obesità infantile, in continuo aumento anche in Italia, culla della dieta mediterranea. Ecco i consigli dei nutrizionisti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Cinque pasti al giorno

Devono prevedere tutti i nutrienti necessari all’organismo: carboidrati, proteine, lipidi, fibre, vitamine e sali minerali, in una percentuale che varia a seconda del momento della giornata.

Colazione

Non deve mai mancare perché svolge un ruolo fondamentale per contrastare l’ obesità infantile. Il 33% dei bambini, tuttavia, fa una colazione inadeguata, mentre l’8% addirittura la salta per mancanza di tempo o di appetito. Gli alimenti suggeriti sono: pane e miele, o marmellata o ancora cioccolata spalmabile. Vanno bene anche pancake, cereali, biscotti, fette biscottate o prodotti da forno. Il tutto deve essere associato a una tazza di latte o yogurt bianco o bevande vegetali e un frutto fresco.

Spuntino di metà mattina

Ha il compito di fornire energia a breve assorbimento, facile da digerire senza saziare troppo. Deve essere pratico da trasportare, da consumare e diversificato ogni giorno della settimana.

Pranzo

Rappresenta il pasto più importante della giornata perché apporta il 40% delle calorie totali giornaliere. Può essere costituito da un primo, un secondo, un contorno di verdura cruda o cotta e pane, oppure da un piatto unico, un contorno e pane.

Merenda

Altro appuntamento importante contro l’ obesità infantile. Può essere sia dolce sia salata, l’importante è che tra merenda e cena passino almeno 3-4 ore per facilitare i processi digestivi ed evitare cali della glicemia troppo bruschi. La merenda ideale deve variare ogni giorno, essere moderata, proporzionata (non troppo calorica né ricca di zuccheri o grassi) e accompagnata da acqua, frullati, centrifugati e infusi di frutta e verdura per garantire la corretta idratazione.

Cena

Deve essere semplice e leggera. Deve contenere un’adeguata porzione di carboidrati, accompagnati o combinati a una quota di proteine. Essendo il pasto che precede di sonno, deve essere a base di piatti semplici di carne o formaggi magri, con l’aggiunta di olio crudo per ridurre i tempi di digestione.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

In Italia il 23% dei bambini è in sovrappeso, il 9% è obeso e il 2% è gravemente obeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti