Obesità infantile: si previene con 5 pasti al giorno

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 14/12/2018 Aggiornato il 14/12/2018

I consigli dei nutrizionisti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù per una corretta alimentazione nei bambini contro l’obesità infantile

Obesità infantile: si previene con 5 pasti al giorno

Sono poche ma vanno seguite con coerenza le regole per contrastare l’ obesità infantile, in continuo aumento anche in Italia, culla della dieta mediterranea. Ecco i consigli dei nutrizionisti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Cinque pasti al giorno

Devono prevedere tutti i nutrienti necessari all’organismo: carboidrati, proteine, lipidi, fibre, vitamine e sali minerali, in una percentuale che varia a seconda del momento della giornata.

Colazione

Non deve mai mancare perché svolge un ruolo fondamentale per contrastare l’ obesità infantile. Il 33% dei bambini, tuttavia, fa una colazione inadeguata, mentre l’8% addirittura la salta per mancanza di tempo o di appetito. Gli alimenti suggeriti sono: pane e miele, o marmellata o ancora cioccolata spalmabile. Vanno bene anche pancake, cereali, biscotti, fette biscottate o prodotti da forno. Il tutto deve essere associato a una tazza di latte o yogurt bianco o bevande vegetali e un frutto fresco.

Spuntino di metà mattina

Ha il compito di fornire energia a breve assorbimento, facile da digerire senza saziare troppo. Deve essere pratico da trasportare, da consumare e diversificato ogni giorno della settimana.

Pranzo

Rappresenta il pasto più importante della giornata perché apporta il 40% delle calorie totali giornaliere. Può essere costituito da un primo, un secondo, un contorno di verdura cruda o cotta e pane, oppure da un piatto unico, un contorno e pane.

Merenda

Altro appuntamento importante contro l’ obesità infantile. Può essere sia dolce sia salata, l’importante è che tra merenda e cena passino almeno 3-4 ore per facilitare i processi digestivi ed evitare cali della glicemia troppo bruschi. La merenda ideale deve variare ogni giorno, essere moderata, proporzionata (non troppo calorica né ricca di zuccheri o grassi) e accompagnata da acqua, frullati, centrifugati e infusi di frutta e verdura per garantire la corretta idratazione.

Cena

Deve essere semplice e leggera. Deve contenere un’adeguata porzione di carboidrati, accompagnati o combinati a una quota di proteine. Essendo il pasto che precede di sonno, deve essere a base di piatti semplici di carne o formaggi magri, con l’aggiunta di olio crudo per ridurre i tempi di digestione.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

In Italia il 23% dei bambini è in sovrappeso, il 9% è obeso e il 2% è gravemente obeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti