Pericolo obesità se si mangia fuori spesso… e male

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/08/2017 Aggiornato il 01/08/2017

I più a rischio sono proprio gli adolescenti, più inclini a mangiare alimenti poco sani. Più pasti a casa per ridurre i chili

Pericolo obesità se si mangia fuori spesso… e male

Il pericolo obesità aumenta se si mangia fuori casa. Questo vale per tutti, ma soprattutto per gli adolescenti. È quanto stabilito da alcuni ricercatori dell’Università di Bristol (Regno Unito), presentato durante l’European Congress on Obesity a Porto (Portogallo),  proprio perché gli adolescenti consumano troppi alimenti poco salutari quando sono fuori casa.

Adiposità e Imc più alto

Nei ristoranti, nei fast food e persino a scuola i ragazzi sarebbero più portati a mangiare cibi ipercalorici come patatine fritte e dolci e bevande analcoliche. Il consumo di questi alimenti sarebbe associato, purtroppo, a una maggiore adiposità e all’incremento dell’indice di massa corporea (Imc), esponendoli, di conseguenza, a un maggior pericolo obesità in età adulta.

Analizzato un campione di 884 studenti

A tutti gli studenti dello studio, di età tra i 14 e 16 anni, è stato chiesto di tenere un diario alimentare per riportare non solo ciò che aveva mangiato, ma anche il luogo (scuola, pizzeria, casa e con chi (genitori, amici, compagni di classe). Inoltre, gli autori della ricerca, hanno anche realizzato interviste “ad personam” per valutare il motivo per cui i ragazzi mangiavano determinati cibi nei diversi ambienti fisici e sociali.

Cibi poco sani più fuori che a casa

Dalla lettura del diario dei giovani partecipanti è emerso che:

  • il consumo dei cibi non sani è maggiore in ristoranti, fast food e caffè piuttosto che a casa (in particolare 2,5 volte superiore);
  • il consumo dei cibi non sani è anche più alto a scuola rispetto che a casa (2 volte superiore).

Fuori casa scelte più “appetitose”

Dall’indagine è anche emerso che gli adolescenti preferiscono mangiare fuori casa piuttosto che a casa per diversi motivi:

  • le opzioni alimentari sono più “appetitose” rispetto a quelle consumate a casa;
  • i pasti consumati nei fast food e nelle pizzerie sono anche un’opportunità per socializzare con gli amici;
  • è diffusa l’idea che il cibo salutare va consumato con i genitori, mentre quello non salutare con gli amici;
  • tendono  a lasciarsi influenzare dalle scelte alimentari dei loro amici per non apparire diversi da loro e per fare parte del gruppo.

Come far scendere l’ago della bilancia

Per limitare il consumo di alimenti poco sani tra gli adolescenti e ridurre il pericolo obesità, gli autori dello studio hanno proposto l’adozione di alcuni provvedimenti diretti, come:

  • ridurre le dimensioni delle porzioni nei ristoranti;
  • diminuire la frequenza con cui i ragazzi si recano fuori casa a mangiare;
  • migliorare il consumo dei pasti consumati a casa, per esempio rendendo la dieta meno ripetitiva e creando un ambiente più rilassante a tavola.

 

Da sapere!

L’indice di massa corporea (Imc) o body mass index (Bmi) è un parametro utilizzato per valutare il peso corporeo. Si ottiene mettendo in relazione il peso (espresso in kg) con l’altezza (espressa in metri al quadrato). Il risultato ottenuto dalla formula IMC= Peso (kg) /altezza2 (m2) permette di classificare il soggetto in: normopeso, sottopeso, sovrappeso, obesità di primo grado o obesità di secondo grado.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti