Prima colazione: italiani promossi

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 19/11/2019 Aggiornato il 20/11/2019

Nove italiani su dieci fanno la prima colazione. Soddisfatti gli esperti di nutrizione che hanno redatto un documento sugli effetti positivi su cuore, mente e peso

Prima colazione: italiani promossi

Le campagne informative sull’importante ruolo della prima colazione volute dagli esperti di nutrizione hanno funzionato. Lo dimostra il risultato della ricerca dell’Osservatorio Doxa/UnionFood “Io comincio bene” che ha promosso gli italiani: ben 9 su 10 fanno la prima colazione.

I numeri di “Io comincio bene”

  • L’88% degli italiani fa colazione tutti i giorni;
  • il 12% degli italiani la salta (in diminuzione dal 2013 che era il 14%);
  • nel 98% delle famiglie con figli under 14 fanno tutti colazione;
  • il 18% dei giovani tra i 15 e 24 anni salta la colazione (per difficoltà a mangiare appena svegli,  perché preferisce fare uno spuntino a metà mattina, perché si alza troppo tardi, per mancanza di tempo);
  • l’85% degli italiani che fa colazione, la fa a casa;
  • il 13% degli italiani fa colazione sia in casa sia al bar;
  • il 2% degli italiani va al bar per fare colazione;
  • 13 minuti il tempo dedicato alla prima colazione (in aumento rispetto ai 10 minuti del 2013);
  • 13 miliardi e 854 milioni di euro è il valore complessivo della produzione di alimenti della prima colazione (esclusi latte e yogurt) delle aziende made in Italy.

Le preferenze degli italiani

  • Pane e fette biscottate, con o senza marmellata, miele e creme spalmabili alla nocciola o al cacao (43%) ;
  • Biscotti classici o ai cereali (40%);
  • Merendine e brioche confezionate (16%), preferite soprattutto dagli under 34;
  • Yogurt (12%);
  • Muesli e cereali da prima colazione (8%), particolarmente amati dai più giovani;
  • Frutta fresca (6%);
  • Caffelatte o cappuccino (33%).
  • Caffè (32%);
  • Latte (31%), preferito soprattutto dai giovani (56%), insieme ai succhi di frutta o spremute (26%);
  • Tè e tisane (12%);
  • Caffè espresso (24%) soprattutto i ragazzi tra i 25 e 34 anni.

I consigli degli esperti

Premessa la soddisfazione degli esperti di nutrizione sui risultati dell’indagine, ricordano le caratteristiche che deve avere una prima colazione per essere sana, soprattutto per gli adolescenti, che rappresentano la fascia di età più a rischio. Deve apportare tra il 15-20% dell’energia totale della giornata e prevedere sempre:

  • latte e yogurt, per garantire l’apporto quotidiano di calcio;
  • carboidrati complessi, a scelta tra biscotti, pane o fette biscottate, merendine, cereali di prima colazione o muesli;
  • frutta fresca, per favorire l’idratazione e l’apporto di vitamine e sali minerali;

Sinu (Società italiana di nutrizione umana) e Sisa (Società italiana scienze dell’alimentazione) hanno elaborato un nuovo documento sulla prima colazione, partendo da diversi studi sull’argomento, per rimarcarne gli effetti positivi sulla salute.

Lo sapevi che?

Fare la prima colazione migliora i parametri cardio-metabolici e le performance cognitive, permettendo una maggior capacità di memoria, attenzione, ascolto e comprensione. È associata a un minore rischio cardiovascolare e a un maggiore controllo del peso, in quanto favorisce una migliore distribuzione delle calorie nell’arco della giornata, diminuendone l’introito.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti