Proteine ai bambini: essenziali, ma attenzione alla quantità!

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 10/02/2020 Aggiornato il 10/02/2020

Le proteine sono nutrienti indispensabili per l’organismo e i muscoli in particolare. Ecco gli apporti raccomandati in base all’età

Proteine ai bambini: essenziali, ma attenzione alla quantità!

Proteine ai bambini, sì ma quante? La risposta arriva dalla Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) attraverso il Nutripiatto, un progetto di educazione nutrizionale predisposto da Nestlè per promuovere una sana alimentazione tra i 4 e 12 anni.

Essenziali, ma nella giusta dose

Le proteine sono nutrienti indispensabili a tutte le età, in particolare nel bambino, per la costruzione dei nuovi tessuti e per la riparazione di quelli danneggiati. L’importante è non eccedere nelle quantità, sostiene la Sipps, perché l’eccesso potrebbe causare complicanze renali, modifiche dell’appetito e obesità. Come spiega la dottoressa Lisa Mariotti, nutrizionista pediatrica Dipartimento medicina dell’infanzia e dell’età evolutiva Asst Fatebenefralli-Sacco di Milano e consulente nutrizionista Sipps, il giusto apporto quotidiano di proteine ai bambini è compreso tra:

– 8-12% dell’energia totale giornaliera al di sotto dei 3 anni (raccomandando di non superare il 15%) ;

– 12-18% dai 3 anni in su.

Le fonti di proteine

Dei cinque gruppi alimentari che le contengono, la Sipps raccomanda la giusta frequenza settimanale degli alimenti:

– carne: 1 porzione rossa e 2 porzioni bianche;

– 1 uovo;

– pesce: 4 porzioni;

– legumi: 4 porzioni;

– latte e derivati: 500 ml di latte circa (o 5 vasetti di yogurt) e 2 porzioni di formaggio.

Il suggerimento del dottor Giuseppe Di Mauro, presidente Sipps, è di non combinare proteine di origine diversa nello stesso pasto, come per esempio il panino con formaggio e prosciutto. Ciò che è importante, sottolinea, è rispettare la rotazione consigliata delle fonti proteiche, oltre che, naturalmente, un consumo di porzioni equilibrate.

Le proteine si trovano anche in alcuni alimenti di origine vegetale (come pasta, cereali, orco, farro, avena, frutta secca, castagne), anche se in quantità e qualità inferiori rispetto a quelle di origine animale.

Lo sapevi che?

Solo le proteine di origine animale sono complete di tutti gli amminoacidi (unità base delle proteine), compresi quelli essenziali (9 nel bambino, 8 nell’adulto). Sono detti essenziali perché l’organismo non è in grado di produrli da solo, ma li deve introdurre con la dieta.

 

Fonti / Bibliografia
  • Home - SIPPS  La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) ha una lunga e gloriosa tradizione. Se si vuole, come è d’uso, ricollegarla alla Fondazione di Nipiologia, ha ormai raggiunto un secolo di vita. Come associazione scientifica indipendente ha una storia un po’ più breve, circa 60 anni, che si ricollega a quella della Società …
  • Lisa Mariotti | Medici | ASST FBF SACCOConsulente/Collaboratore - Pediatria - Casa pediatrica - Medico dell'ASST Fatebenefratelli Sacco, Milano
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti