Pubblicità di cibo in tv? E i bambini mangiano più snack

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/01/2017 Aggiornato il 18/01/2017

Guardare la pubblicità di cibo in tv induce i piccoli a fare spuntini anche se non hanno fame. Rischio obesità

Pubblicità di cibo in tv? E i bambini mangiano più snack

Bambolotti parlanti, peluche, macchinine. Per non parlare di merendine, caramelle di ogni tipo e dolcetti vari: guardare la televisione può davvero indurre in tentazione, soprattutto i  bambini. E così, se gli spot di giocattoli aumentano nei piccoli il desiderio di possederli, le pubblicità di cibo in tv accrescono la voglia di mangiare. Il che si tramuta – secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics – in un reale aumento del consumo di spuntini da parte dei bambini, anche se non hanno fame.

L’esperimento su 60 bambini

La ricerca – la prima di questo genere condotta su bambini tra due e cinque anni – è stata realizzata da un gruppo di studiosi dell’Health Promotion Research Center di Dartmouth (Stati Uniti) su 60 piccoli partecipanti divisi in due gruppi: mentre il primo gruppo guardava un programma televisivo di 14 minuti intervallato da pubblicità di cibo in tv, il secondo visionava lo stesso programma intervallato però da spot non legati al cibo e al suo consumo. I piccoli, per tutta la durata dell’esperimento, avevano a disposizione diversi snack da consumare a proprio piacimento.

Più spuntini

Guidati da Jennifer Emond, i ricercatori hanno così rilevato che i bambini che avevano guardato pubblicità di cibi in tv avevano consumato alla fine dell’esperimento una maggiore quantità di snack rispetto ai bimbi dell’altro gruppo. Un risultato da non sottovalutare, spiegano gli autori dello studio, secondo i quali controllare e limitare l’esposizione dei bambini a un certo tipo di messaggi pubblicitari possono rivelarsi valide strategie per salvaguardare la corretta alimentazione dei piccoli, riducendo il rischio di consumo di cibi poco sani e il ricorso a snack fuori pasto.

 

 

 
 
 

In breve

ALIMENTAZIONE SCORRETTA, RISCHIO OBESITA’

Bisogna evitare il più possibile che i nostri bambini consumino frequentemente snack fuori pasto e cibi poco sani. L’Italia è ai primi posti in Europa per sovrappeso e obesità infantile, con il 20% dei bambini in sovrappeso e quasi il 10% obeso.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti