Rinite allergica nei bambini: utile più pesce

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 07/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

Un maggiore consumo di pesce è risultato associato a una diminuzione del rischio di rinite allergica nei bambini. Ecco perché

Rinite allergica nei bambini: utile più pesce

Uno studio dell’Università svedese di Goteborg ha analizzato quali sono gli alimenti che possono ridurre l’incidenza di rinite allergica nei bambini. Il pesce è risultato in pole position.

L’esperimento su 8.000 bambini

La ricerca, che si è concentrata su un campione di oltre 8.000 bambini svedesi, è stata pubblicata sulla rivista medica Pediatric Allergy and Immunology. I bambini sono stati tenuti sotto osservazione attraverso una serie di colloqui con i loro genitori (per un totale di 5.654 famiglie) in diversi momenti della crescita: al compimento di sei mesi e di un anno, quattro, otto e dodici anni. È risultato che il 22% dei bambini, all’età di 12 anni, soffre di rinite. Tuttavia, fra chi aveva mangiato pesce almeno una volta al mese nel primo anno di vita, la percentuale di rinite allergica era più bassa.

Prima si comincia, meglio è

La ricercatrice Emma Goksör ha spiegato che molti genitori ritardano l’introduzione del pesce nella dieta dei bambini perché in genere non piace, ma così facendo sbagliano. I grassi assunti determinano la qualità della risposta immunitaria agli allergeni, e quelli del pesce agiscono in maniera positiva. In particolare il merito è degli Omega 3 che sono immunomodulanti, in altre parole sono grassi che aiutano il sistema immunitario.

Importante l’alimentazione nei primi anni di vita

Già in passato alcuni studi avevano preso in considerazione l’ipotesi che l’alimentazione potesse avere un ruolo chiave nella presenza delle allergie. Ora anche uno studio dell’Università di Stoccolma è giunto di recente alle stesse conclusioni. La ricerca ha esaminato l’effetto di pesci come il salmone, ricchi di Omega 3, sullo sviluppo di oltre 4.000 bambini dalla nascita fino agli 8 anni. È stato scoperto che a un maggior consumo di pesce corrispondeva un minor pericolo di sviluppare allergie. Nessuna associazione protettiva è invece emersa se il consumo di pesce iniziava a 8 anni. Solo un’assunzione precoce e regolare di pesce svolge, quindi, un effetto favorevole nella prevenzione delle allergie e quindi anche della rinite allergica.

Da sapere!

È fondamentale dare il buon esempio. Il bambino che vede il genitore mangiare il pesce sarà sicuramente più invogliato a mangiarlo, fin da piccolo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti