Sale da cucina: il 90% degli italiani ne usa troppo. Pericoli per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/06/2018 Aggiornato il 11/06/2018

Gli italiani eccedono i 5 grammi di sale da cucina al giorno consigliati dagli esperti, esponendosi a vari rischi per la salute. Ma migliorare le cose è possibile. Ecco come

Sale da cucina: il 90% degli italiani ne usa troppo. Pericoli per i bambini

Bambini, adulti, anziani, adolescenti: indipendentemente dall’età, la maggior parte degli italiani usa troppo sale  da cucina. A lanciare l’allarme è il ministero dalla Salute, secondo cui il 90% degli adulti, l’85% degli ipertesi e il 91% dei bambini tra i 6 e 18 anni eccede con i cibi salati. Purtroppo non senza conseguenze: il sale, infatti, fa male alla salute, a diversi livelli.

A rischio ipertensione

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda di non superare i 5 grammi al giorno di sale da cucina. Perché fa male, in particolare, dal punto di vista cardiovascolare. Contribuisce, infatti, a trattenere i liquidi e di conseguenza fa aumentare il volume del sangue circolante. Il cuore è quindi costretto a lavorare di più per pompare una maggiore quantità di sangue, provocando un aumento della pressione.

Problemi ai reni e osteoporosi

Ma l’ipertensione non è l’unica conseguenza negativa dell’uso scorretto del sale da cucina. Altre possibili conseguenze sono: problemi ai reni, osteoporosi, tumori dell’apparato digerente, ritenzione idrica, gonfiori, cellulite.

10 consigli utili

Bastano comunque pochi accorgimenti per migliorare la situazione. Ecco quali:

  1. scolare e sciacquare verdure e fagioli in scatola;
  2. non aggiungere sale alle pietanze;
  3. preferire le erbe aromatiche e le spezie per insaporire gli alimenti;
  4. mangiare più frutta e verdure fresche;
  5. limitare il consumo dei cibi ricchi di sale: affettati, insaccati, cibi in scatola, precotti, piatti pronti, salse e dadi. Se possibile, privilegiare quelli in cui la quantità di sodio non supera gli 0,4 grammi (400 mg) per porzione;
  6. preferire i cibi freschi e secchi (per esempio, nel caso dei legumi) a quelli in scatola e ai “piatti pronti” surgelati;
  7. sostituire i latticini e i formaggi salati e grassi (come provolone, scamorza, gorgonzola) con quelli non salati. Sì, per esempio, a yogurt scremato, ricotta e giuncata;
  8. consumare il pane senza sale: sono sufficienti pochi giorni per abituarsi al nuovo sapore;
  9. leggere le etichette per evitare di acquistare alimenti troppo ricchi di sale;
  10. limitare l’uso di condimenti alternativi contenenti sodio: dadi da brodo, ketchup, salsa di soia, senape.

 

 

In breve

NIENTE SALE NELLA PAPPA

I neogenitori devono sapere che è fondamentale non aggiungere sale nelle pappe dei bambini, almeno per tutto il primo anno di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti