Sale da cucina: il 90% degli italiani ne usa troppo. Pericoli per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/06/2018 Aggiornato il 11/06/2018

Gli italiani eccedono i 5 grammi di sale da cucina al giorno consigliati dagli esperti, esponendosi a vari rischi per la salute. Ma migliorare le cose è possibile. Ecco come

Sale da cucina: il 90% degli italiani ne usa troppo. Pericoli per i bambini

Bambini, adulti, anziani, adolescenti: indipendentemente dall’età, la maggior parte degli italiani usa troppo sale  da cucina. A lanciare l’allarme è il ministero dalla Salute, secondo cui il 90% degli adulti, l’85% degli ipertesi e il 91% dei bambini tra i 6 e 18 anni eccede con i cibi salati. Purtroppo non senza conseguenze: il sale, infatti, fa male alla salute, a diversi livelli.

A rischio ipertensione

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda di non superare i 5 grammi al giorno di sale da cucina. Perché fa male, in particolare, dal punto di vista cardiovascolare. Contribuisce, infatti, a trattenere i liquidi e di conseguenza fa aumentare il volume del sangue circolante. Il cuore è quindi costretto a lavorare di più per pompare una maggiore quantità di sangue, provocando un aumento della pressione.

Problemi ai reni e osteoporosi

Ma l’ipertensione non è l’unica conseguenza negativa dell’uso scorretto del sale da cucina. Altre possibili conseguenze sono: problemi ai reni, osteoporosi, tumori dell’apparato digerente, ritenzione idrica, gonfiori, cellulite.

10 consigli utili

Bastano comunque pochi accorgimenti per migliorare la situazione. Ecco quali:

  1. scolare e sciacquare verdure e fagioli in scatola;
  2. non aggiungere sale alle pietanze;
  3. preferire le erbe aromatiche e le spezie per insaporire gli alimenti;
  4. mangiare più frutta e verdure fresche;
  5. limitare il consumo dei cibi ricchi di sale: affettati, insaccati, cibi in scatola, precotti, piatti pronti, salse e dadi. Se possibile, privilegiare quelli in cui la quantità di sodio non supera gli 0,4 grammi (400 mg) per porzione;
  6. preferire i cibi freschi e secchi (per esempio, nel caso dei legumi) a quelli in scatola e ai “piatti pronti” surgelati;
  7. sostituire i latticini e i formaggi salati e grassi (come provolone, scamorza, gorgonzola) con quelli non salati. Sì, per esempio, a yogurt scremato, ricotta e giuncata;
  8. consumare il pane senza sale: sono sufficienti pochi giorni per abituarsi al nuovo sapore;
  9. leggere le etichette per evitare di acquistare alimenti troppo ricchi di sale;
  10. limitare l’uso di condimenti alternativi contenenti sodio: dadi da brodo, ketchup, salsa di soia, senape.

 

 

 
 
 

In breve

NIENTE SALE NELLA PAPPA

I neogenitori devono sapere che è fondamentale non aggiungere sale nelle pappe dei bambini, almeno per tutto il primo anno di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti