Sale: il 90% degli italiani ne usa troppo, bambini inclusi

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 11/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

Gli italiani eccedono i 5 grammi di sale al giorno consigliati dagli esperti. Compresi i bambini. Ma migliorare le cose è possibile. Ecco come

Sale: il 90% degli italiani ne usa troppo, bambini inclusi

Bambini, adulti, anziani, adolescenti: indipendentemente dall’età, la maggior parte degli italiani usa troppo sale. A lanciare l’allarme è il ministero dalla Salute, secondo cui il 90% degli adulti, l’85% degli ipertesi e il 91% dei bambini tra i 6 e 18 anni eccede con i cibi salati. Purtroppo non senza conseguenze: il sale, infatti, fa male alla salute, a diversi livelli.

A rischio ipertensione

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda di non superare i 5 grammi al giorno di sale. Si tratta, infatti, di un elemento dannoso. In particolare, dal punto di vista cardiovascolare. È in grado, infatti, di trattenere i liquidi e di conseguenza di aumentare il volume del sangue circolante. Il cuore è quindi costretto a lavorare di più per pompare la maggiore quantità di sangue, provocando un aumento della pressione.

Ma non solo…

Ma l’ipertensione non è l’unica conseguenza negativa dell’uso scorretto del sale. Altre possibili conseguenze sono: ritenzione idrica, gonfiori, cellulite, problemi ai reni, osteoporosi, tumori dell’apparato digerente.

10 consigli utili

Bastano comunque pochi accorgimenti per migliorare la situazione. Ecco un decalogo.

1 Scolare e sciacquare verdure e fagioli in scatola;
2 non aggiungere sale alle pietanze;
3 per insaporire gli alimenti è meglio preferire le erbe aromatiche e le spezie: il gusto non cambia, ma la salute risulta preservata;
4 mangiare più frutta e verdure fresche;
5 cercare di limitare il consumo dei cibi ricchi di sale, come affettati, insaccati, alimenti in scatola, precotti, piatti pronti, salse e dadi. Se possibile, privilegiare quelli in cui la quantità di sodio non supera gli 0,4 grammi (400 mg) per porzione;
6 preferire i cibi freschi e secchi (per esempio, nel caso dei legumi) a quelli in scatola e ai “piatti pronti” surgelati;
7 sostituire i latticini e i formaggi salati e grassi (come provolone, scamorza, gorgonzola) con quelli non salati. Sì, per esempio, a yogurt scremato, ricotta e giuncata;
8 invece del solito pane, provare quello senza sale: sono sufficienti pochi giorni per abituarsi al nuovo sapore;
9 leggere le etichette per evitare di acquistare alimenti troppo ricchi di sale;
10 limitare l’uso di condimenti alternativi contenenti sodio (come dado da brodo, ketchup, salsa di soia, senape).
 

 

 
 
 

DA RICORDARE

 

NIENTE SALE NELLA PAPPA

I neogenitori devono sapere che è fondamentale non aggiungere sale nelle pappe dei bambini, almeno per tutto il primo anno di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si è inserito subito alla scuola materna: accetterà così bene anche l’arrivo di un bebè?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Il fatto che un bambino si dimostri entusiasta dell'ingresso alla scuola materna non è predittivo di come reagirà all'arrivo di un fratellino.   »

Beta-hCG ancora nel sangue dopo un’interruzione di gravidanza: perché?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Dopo un aborto, è normale che l'ormone beta-hCG rimanga nel sangue per alcune settimane, ma se il periodo si protrae oltre i 42 giorni circa è possibile che si sia instaurata un'altra gravidanza.   »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti