Sorpresa: la maggior parte dei ragazzi ha un’alimentazione sana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/12/2013 Aggiornato il 12/12/2013

Una recente indagine svela inaspettatamente che i giovani conoscono i principi di un’alimentazione sana e non hanno problemi di peso

Sorpresa: la maggior parte dei ragazzi ha un’alimentazione sana

Spesso vengono accusati di mangiare cibo spazzatura e di avere problemi di peso. Invece, la maggior parte dei giovani segue un’alimentazione sana e non ha chili di troppo da smaltire. Lo rivela un’indagine dell’Osservatorio Nestlè-Fondazione Adi, presentata in occasione del XV Corso Nazionale Adi (Associazione di dietetica e nutrizione clinica).

8.000 sotto esame

Lo studio, che è durato cinque anni, ha coinvolto oltre 8.000 partecipanti di tutte le età, per un totale di oltre 43.000 interviste. Secondo gli autori rappresenta una delle più complete analisi sulle abitudini alimentari e lo stato di forma fisica della popolazione italiana. Dai dati raccolti risulta che ben il 66% dei ragazzi italiani è normopeso. Non solo. I ragazzi italiani sembrano conoscere i dettami di un’alimentazione sana.

Rispettate le regole d’oro

La maggior parte di loro, infatti, segue quelle che per gli esperti sono regole d’oro in questo campo. Per esempio, non salta mai la colazione, consuma porzioni abbondanti di frutta e verdura e non mangia troppi grassi. Anche sul fronte attività sportiva ci sono buone notizie. Infatti, è in diminuzione il numero delle persone che seguono uno stile di vita sedentario, anche fra i ragazzi. La speranza degli esperti è che, per una volta, siano i giovani a dare il buon esempio e che gli adulti imparino da loro cosa significa seguire un’alimentazione sana e bilanciata e praticare una costante attività fisica. 

In breve

ANCORA MOLTE LE PERSONE SOVRAPPESO

Dallo studio emerge, però, anche che la percentuale delle persone in sovrappeso è ancora alta, mentre risulta leggermente in calo quella degli obesi. A giocare un ruolo fondamentale nell’aumento e nella diminuzione del peso sono l’alimentazione e l’attività fisica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti