Sovrappeso e obesità: bambini e adolescenti italiani i più a rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/01/2012 Aggiornato il 31/01/2012

Un’alimentazione sana ed equilibrata e l’attività fisica sono indispensabili per evitare problemi di sovrappeso e obesità a bambini e adolescenti

Sovrappeso e obesità: bambini e adolescenti italiani i più a rischio

Sovrappeso e obesità tra bambini e adolescenti sono un problema di grande attualità, che pone l’Italia tra i Paesi più a rischio di tutta Europa. Il 22,9% dei bambini italiani di 8 anni risulta sovrappeso, mentre l’11,1% è addirittura obeso, con punte ancora più alte nel Sud Italia, in particolare in Lazio, Puglia, Calabria, Campania e Sicilia. Lo rivela uno studio del 2010 promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e coordinato da diverse università italiane insieme all’Istituto Superiore di Sanità. Tra i ragazzi il problema diminuisce con il crescere dell’età e riguarda soprattutto gli 11enni.

Troppe calorie e poco sport

Sono diversi gli elementi che concorrono all’aumento di peso nei giovani: oltre a quelli di carattere genetico, vi è spesso un apporto di calorie superiore al proprio fabbisogno, unito a stili di vita sedentari e poco attivi. Sempre meno adolescenti praticano sport

regolarmente, o semplicemente vanno a scuola a piedi, mentre sono in costante aumento quelli con la TV in camera, e che giocano con i videogame per molte ore al giorno.

Perché intervenire

Sovrappeso e obesità nei bambini e negli adolescenti, così come negli adulti, sono fattori di rischio per numerose patologie croniche, e dal momento che nella maggior parte dei casi i giovani obesi saranno in conflitto con la bilancia anche da adulti, è importante educarli a stili di vita sani. Inoltre, soprattutto durante l’adolescenza, i problemi di sovrappeso e obesità sono legati a doppio filo a disagi di tipo psicologico. I ragazzi possono sentirsi esclusi dai propri coetanei a causa del loro aspetto fisico, in un’età in cui sentirsi accettato è fondamentale. Tutto ciò potrebbe peggiorare ulteriormente il loro rapporto col cibo.

Consigli per i genitori

Prestare molta attenzione, al peso, all’altezza e alla circonferenza vita. La crescita dei ragazzi deve essere monitorata in modo costante ricorrendo al medico in caso di dubbi.

Proporre ogni giorno frutta e verdura che, oltre a essere cibi sani, sono ricchi di fibre e poco calorici.

Per restare in forma la dieta non basta: favoriamo l’attività fisica regolare, magari dando anche il buon esempio. Praticare uno sport, o anche semplicemente muoversi a piedi o in bici, è molto utile per tenere a bada i chili di troppo e per evitare di passare troppo tempo davanti alla tv o al pc.

In breve

Obesità: il segreto è prevenirla fin da bambini

Sono diversi gli elementi che concorrono all’aumento di peso nei giovani: oltre a quelli di carattere genetico, vi è spesso un apporto di calorie superiore al proprio fabbisogno, unito a stili di vita sedentari e poco attivi. Sovrappeso e obesità sono fattori di rischio per numerose patologie croniche, soprattutto legate all’apparato cardio-vascolare. Ecco perché è importante iniziare fin da bambini a nutrirsi di cibi sani e a praticare sport.
 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti