Succo di frutta? Meglio non a colazione e a merenda

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 16/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Parola d’ordine è moderazione. Ma anche il momento del consumo è importante. E i succhi di frutta, per il loro alto contenuto di fruttosio, andrebbero evitati in certi momenti della giornata. Ecco perché

Succo di frutta? Meglio non a colazione e a merenda

Succhi di frutta sì, ma è meglio consumarli con moderazione e soprattutto non a colazione né a merenda e comunque – come consigliano i pediatri – non prima dell’anno di età, perché troppo ricchi di zuccheri. Un recente studio della Princeton University, pubblicato sulla rivista  medica Cell Metabolims, ha fatto luce sul metabolismo del fruttosio (zucchero). Secondo i ricercatori americani, infatti, il fruttosio, non verrebbe “lavorato” dal fegato (come si è sempre creduto), ma dall’intestino tenue, più vulnerabile al fruttosio tanto da non riuscire a metabolizzarlo bene a digiuno, quindi a colazione, o a metà pomeriggio.

Con la frutta è diverso

L’esperimento ha anche valutato il comportamento del fruttosio della frutta, che è diverso da quello dei succhi di frutta. Se la frutta è assunta in quantità moderate, l’intestino è in grado di “lavorare” il fruttosio meglio, senza che raggiunga il fegato. L’analisi di come il fruttosio “viaggi” attraverso il sistema digestivo è stata effettuata su cavie di laboratorio e ha anche permesso di scoprire che il fruttosio non assorbito nell’intestino tenue passa al colon, dove viene in contatto con il microbioma (flora batterica) che, però, non è “programmato” per elaborare gli zuccheri. Alla luce di questi risultati, i ricercatori hanno concluso che è meglio consumare gli zuccheri dopo i pasti, soprattutto se si tratta del fruttosio e, ovviamente, sempre in quantità ridotte.

 

da sapere!

L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda un consumo di zuccheri semplici non superiore al 10% del fabbisogno calorico giornaliero, suggerendo addirittura come salutare la metà del limite consentito.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti