Troppo fruttosio danneggia il sistema immunitario

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 02/04/2021 Aggiornato il 02/04/2021

Una dieta con troppo fruttosio può alterare il sistema immunitario. Attenzione quindi a quegli alimenti, come lecca lecca e caramelle, che sembrano più sani perché dolcificati con fruttosio ma non lo sono

Troppo fruttosio danneggia il sistema immunitario

C’è un nuovo rischio negli ultimi tempi: consumare troppo fruttosio. Questo alimento è ampiamente utilizzato nella produzione alimentare: è uno zucchero che presenta un potere dolcificante più alto di quello del saccarosio e un indice glicemico basso. Queste caratteristiche lo hanno reso molto popolare come sostituto più salutare dello zucchero. Ora però una ricerca dell’Università di Swansea (Regno Unito) e pubblicata su Nature Communications rivela i rischi che può comportare per il nostro organismo l’assunzione di troppo fruttosio.

I rischi nascosti nel fruttosio

Si tratta di uno zucchero naturale presente in diversi alimenti, soprattutto nella frutta ma anche nei vegetali e nelle farine utilizzate per pasta, pane e pizza. In una dieta bilanciata, il consumo di fruttosio naturalmente contenuto nei cibi non provoca alcun effetto negativo. I problemi derivano dall’abuso sistematico di fruttosio aggiunto. Secondo la ricerca stimola l’infiammazione nel sistema immunitario e questo processo fa si che si producano molecole più reattive associate all’infiammazione stessa. Questo processo può danneggiare cellule e tessuti e contribuire a far sì che organi e sistemi del corpo non funzionino come dovrebbero e potrebbe portare a malattie. L’assunzione di fruttosio in quantità importanti è infatti associata all’obesità, al diabete di tipo 2 e alla steatosi epatica non alcolica (detta anche fegato grasso).

In quali alimenti si trova

In natura il fruttosio si trova nella frutta (a cui deve il nome), ma anche nel miele e nei vegetali. L’uva matura, le banane e pomodori sono solo alcuni degli alimenti a più alto contenuto di questo zucchero. Il suo consumo è aumentato notevolmente negli ultimi anni nel mondo sviluppato essendo presente in molti cibi lavorati (come lecca lecca, caramelle, bibite dolci, succhi di frutta, cereali per la prima colazione, biscotti, merendine, marmellate) dove viene utilizzato per dolcificare e per conservare più a lungo gli alimenti. Particolarmente a rischio sono quindi i bambini, maggiori consumatori di questi alimenti lavorati.

 

 
 
 

In breve

LIMITARE IL CONSUMO

Poiché i problemi causati dal fruttosio si presentano in seguito a consumi elevati e continui nel tempo, gli esperti raccomandano di limitarne l’uso come dolcificante e di ridurre l’assunzione di alimenti e bevande formulati con fruttosio e sciroppi di mais ad alto con contenuto di fruttosio.

Fonti / Bibliografia

  • Fructose reprogrammes glutamine-dependent oxidative metabolism to support LPS-induced inflammation | Nature CommunicationsFructose intake has increased substantially throughout the developed world and is associated with obesity, type 2 diabetes and non-alcoholic fatty liver disease. Currently, our understanding of the metabolic and mechanistic implications for immune cells, such as monocytes and macrophages, exposed to elevated levels of dietary fructose is limited. Here, we show that fructose reprograms cellular metabolic pathways to favour glutaminolysis and oxidative metabolism, which are required to support increased inflammatory cytokine production in both LPS-treated human monocytes and mouse macrophages. A fructose-dependent increase in mTORC1 activity drives translation of pro-inflammatory cytokines in response to LPS. LPS-stimulated monocytes treated with fructose rely heavily on oxidative metabolism and have reduced flexibility in response to both glycolytic and mitochondrial inhibition, suggesting glycolysis and oxidative metabolism are inextricably coupled in these cells. The physiological imp...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti